Tag Archivio: Lecco

Como-Lecco: impenna la spesa alimentare a +6,1%, record per le botteghe. Made in Lario è strategico

lecco_duomo_campanile
COMO-LECCO – Si spende solo per mangiare con gli acquisti di prodotti alimentari che sono aumentati del 6,1% ad aprile in controtendenza al crollo generale fatto registrare dal commercio. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento ai dati Istat sul commercio al dettaglio nel mese di aprile. Le vendite di prodotti alimentari aumentano in tutte le tipologie di dettaglio dalla grande distribuzione (+6,9%) ai discount (+9,3%) fino alle piccole botteghe alimentari che fanno segnare il record dell’11,2%. Dati che si rispecchiano sul territorio lariano, con un aumento pari a quasi il doppio della media per il cibo, dovuto alla ricerca nel momento degli acquisti del rapporto personale di fiducia maggiormente garantito nei piccoli negozi in un momento di grande incertezza ma anche alla necessità di evitare lunghi spostamenti per rispettare le misure di sicurezza imposte e ridurre i rischi.
Una “fidelizzazione” che è stata evidente, nelle settimane del lockdown anche nei confronti delle imprese della rete di Campagna Amica, che si sono mobilitate per garantire le consegne dei loro prodotti a domicilio, e che si riflette in questa settimane nel ritorno di produttori e consumatori negli AgriMercati del territorio, riaperti dopo la fase di emergenza. A Como-Lecco sono ripresi in sicurezza tutti i mercati settimanali di Campagna Amica, in particolare a Cantù (martedì in piazza Garibaldi), Meda (mercoledì in piazza Cavour), Giussano (giovedì via De Gasperi), Erba (venerdì in via Carroccio) e Mariano Comense (sabato in Porta Spinola).
“L’approvvigionamento alimentare dei cittadini lariani è stato garantito grazie alle migliaia di persone che operano nella filiera alimentare e, in primis, alle imprese agricole che in queste settimane, nonostante i rischi per la salute, hanno continuato a lavorare in piena pandemia nel nostro territorio come in tutta Italia”. Lo rimarca Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco.
La filiera agroalimentare made in Italy dai campi agli scaffali – sottolinea la Coldiretti lariana – ha tenuto nonostante la tendenza all’accaparramento e al verificarsi di pericolose file che hanno provocato una impennata degli acquisti al dettaglio. Una vera e propria spesa di guerra che, nelle settimane di lockdown, ha registrato aumenti del 145% negli acquisti di farina, +78% arance, +60% mele, +57% mozzarella, +57% uova, +32% formaggi, +31% salumi, +25% riso, latte +22% e +14% pasta. Uno sforzo importante della filiera che è riuscita a garantire le forniture nonostante le difficoltà vissute dalle imprese agricole: “Nelle settimane dell’emergenza, le nostre imprese sono state strategiche per assicurare il made in Lario di qualità in tutti i canali di distribuzione: responsabilmente, l’agricoltura ha fatto e sta facendo la sua parte, affrontando veri e propri salti mortali per superare le difficoltà imposte dall’emergenza: in primis, la carenza di manodopera stagionale e le problematicità nel reperimento di quanto necessario alle operazioni colturali, dati gli intoppi della logistica e il fermo del comparto agromeccanico. Ma questo sforzo immane deve essere riconosciuto in futuro: non vogliamo più vedere gli scaffali dei supermercati invasi da prodotti stranieri… che magari costano uno o due centesimi meno rispetto a un prodotto nazionale di qualità incomparabilmente maggiore. L’emergenza Covid ha insegnato a tutti quanto sia importante e strategica l’autosufficienza produttiva nei molti comparti del nostro Paese, quello agricolo in primis. Ma non solo: ripensiamo alla difficoltà di reperire le mascherine di protezione nelle prime settimane di lockdown… e riflettiamoci su con attenzione”.

Turismo, ripartiamo lavorando insieme. Parola d’ordine: fare sistema

Varenna_07
Ora più che mai per fare turismo serve fare sistema; è questo il presupposto di alcune azioni messe in campo dagli enti locali del Lecchese, convinti che il potenziale attrattivo del proprio territorio costituisca un formidabile patrimonio da valorizzare.
Provincia di Lecco e Comune di Lecco hanno infatti deliberato l’adesione al Protocollo d’intesa per la costituzione di una Cabina di regia sovraprovinciale per la promozione turistica e culturale della destinazione Lago di Como.
Promossa e presieduta dalla Camera di Commercio Como-Lecco, la Cabina di regia si compone dei rappresentanti delle Province e dei Comuni capoluogo di Como e di Lecco e del rappresentante del Consorzio del centro lago.
“L’adesione alla cabina di regia per la promozione della destinazione lago di Como – evidenzia la Consigliera provinciale delegata al Turismo e alla Cultura Irene Alfaroli – è un’importante opportunità per definire una strategia condivisa per tutto il territorio. Ci consegna anche una grande responsabilità come amministratori locali: dovremo saper adeguatamente valorizzare, nelle azioni che verranno intraprese a questo tavolo sovraprovinciale, la specificità delle risorse attrattive dei territori che amministriamo in un’ottica di sistema”.
“La varietà e la specificità dell’offerta territoriale lecchese, che spazia da ricchezze paesaggistiche e naturalistiche (dalla collina alle valli, dalla pianura alla montagna, dal Lario e i laghi briantei all’Adda), a quelle artistiche, storiche e culturali passando per Leonardo e Manzoni (solo per citare dei must) – sottolinea il Vicesindaco con delega al Turismo del Comune di Lecco Francesca Bonacina – sfida la nostra capacità di mettere a sistema le risorse di un così ricco territorio, per passare dalla valorizzazione delle singole situazioni a una vera e propria offerta turistica”.
“La sottoscrizione del protocollo è un impegno che prendiamo con la massima serietà e determinazione e con la volontà di portare al tavolo della Cabina di regia idee e proposte che siano il più possibilmente frutto di un lavoro concertato nei territori tra gli enti e tra pubblico e privato – spiegano Alfaroli e Bonacina – lavoro che la difficile fase che stiamo vivendo a seguito dell’emergenza da Covid-19 rende ancora più necessario. Per questo motivo nei prossimi giorni andremo anche a sviluppare e formalizzare un’intesa tra Provincia di Lecco, Comune di Lecco, Comunità montane e referenti territoriali degli enti locali, per strutturare a livello locale un sistematico ambito di confronto e raccordo in ordine allo sviluppo turistico territoriale, prevedendo anche il fondamentale coinvolgimento del privato attraverso specifici tavoli di lavoro che verranno a breve attivati. Crediamo che questo tipo di lavoro con i territori consentirà di arricchire e dare maggior vigore al contributo che potremo apportare alla Cabina di regia, rendendo più efficaci le strategie messe in campo”.

Nuovo tour interattivo per i trenta musei del sistema museale della provincia di Lecco

Il Sistema museale della provincia di Lecco, grazie al cofinanziamento di Regione Lombardia attraverso il bando annuale dedicato ai musei e ai sistemi museali, ha realizzato un tour virtuale interattivo che comprende tutte le realtà museali aderenti al Sistema.
Attraverso il filmato il visitatore può osservare i 30 ambienti museali nei quali si trova virtualmente immerso, con immagini accattivanti che rendono questi luoghi vivi, invitando il visitatore alla visita in loco.
Varenna_07
“Il tour – spiega la Coordinatrice del Sistema museale della provincia di Lecco Anna Ranzi – è introdotto da una panoramica in grado di offrire un colpo d’occhio complessivo sull’offerta museale del Sistema tramite una piantina che ne indica la collocazione sul territorio provinciale; da qui l’utente può scegliere l’approfondimento di un particolare tema di interesse (ad esempio legato alla tipologia dei musei: etnografici, storico-artistici, del lavoro, naturalistici scientifici, storici) o passare direttamente a visitare virtualmente uno specifico museo e il suo territorio di pertinenza”.
Ogni museo viene rappresentato da immagini sferiche arricchite da contenuti multimediali quali testi descrittivi (scelti con i responsabili scientifici delle collezioni musealizzate), recanti didascalie e informazioni di vario tipo (orari, prezzi, siti web), gallery fotografiche tradizionali, video.
“Con questo progetto – commenta la Consigliera provinciale delegata alla Cultura e al Turismo Irene Alfaroli – ognuno dei 30 musei aderenti al Sistema museale ottiene un nuovo strumento di divulgazione delle proprie collezioni e del patrimonio culturale diffuso nel territorio di pertinenza. Inoltre i musei hanno la possibilità di proporre al pubblico una nuova chiave di lettura delle proprie collezioni, rendendo visibili anche oggetti e percorsi talvolta non fruibili. L’obiettivo finale del progetto è quello di incrementare il numero dei visitatori e coinvolgere un’utenza diversificata per interessi, gusti, fasce di età”.
Il tour è disponibile sul sito www.sistemamuseale.provincia.lecco.it ed è visualizzabile su pc, smartphone e tablet.

Biblioestate 2020: le proposte di lettura per i ragazzi

2006_biblioestate
Anche quest’anno le biblioteche associate al Sistema Bibliotecario del Territorio Lecchese propongono agli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado i consigli di lettura per l’estate. Il 2020 è un anno diverso, triste e complicato e dunque anche il progetto di promozione della lettura del Sistema Bibliotecario è stato ripensato.
Un ricco catalogo di letture per bambini e ragazzi sarà a disposizione nelle biblioteche del Sistema con “Biblioestate – Volta pagina” per la fascia 6-10 anni e “BEH – Comprovate esigenze di lettura” per la fascia 11-14 anni. I libri potranno essere presi in prestito secondo le modalità consultabili sul sito lecco.biblioteche.it.
A breve saranno disponibili diversi segnalibri distribuiti nelle biblioteche sui quali sono elencati i libri consigliati per ogni fascia di età.
“Un’iniziativa, ricorrente ormai da tanti anni, del Sistema Bibliotecario, pensata per accompagnare i più piccoli e i preadolescenti in un lungo viaggio attraverso i libri – commenta la Presidente del Sistema Bibliotecario del Territorio Lecchese Simona Piazza. Un viaggio quest’anno ancora più importante, visti i tanti mesi di chiusura dove grandi e piccini hanno potuto ritrovare nel libro un amico e un compagno di viaggio. Sarà l’occasione per continuare questa esperienza durante il periodo estivo e affrontare insieme delle letture belle e appassionanti, che possono appassionare i ragazzi in questo periodo di vacanza, ma anche prepararli al prossimo avvio di anno scolastico. L’augurio più grande che faccio come presidente del Sistema Bibliotecario è ,per i genitori, di avvicinare i propri bambini al mondo della lettura, consultando la bibliografia disponibile online e di accompagnare i propri figli all’interno di un lungo viaggio estivo nella lettura”

Aprono le iscrizioni al Cres 2020 del Comune e ai centri estivi per l’infanzia

Il Centro Ricreativo Estivo organizzato dal Comune di Lecco per i bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni residenti in città è in programma dal 6 luglio al 21 agosto dalle 8 alle 17
L’obiettivo del Cres 2020 è permettere ai ragazzi di “riconnettersi con gli altri, ma anche con il territorio”, sia stando insieme in sicurezza, rispettando le indicazioni delle linee guida del Ministero, sia sviluppando interesse e attenzione per l’ambiente naturale che ci circonda.
Il Cres proporrà laboratori e sfide all’aria aperta, privilegiando le attività nei parchi cittadini, nei cortili delle scuole e sulle montagne facilmente raggiungibili dalla città. I gruppi si ispireranno a varie popolazioni e tribù, che oggi vivono sulla Terra in simbiosi con la natura che le circonda; bambini e ragazzi impareranno così antiche usanze, riti, artigianato, danze e sport e si sfideranno apprendendo e valorizzando le differenze.
Le domanda di partecipazione compilata e completa dei documenti richiesti, disponibile a questo collegamento, dovrà essere inviata entro lunedì 22 giugno all’indirizzo di posta elettronica istruzione@comune.lecco.it. In alternativa, solo per chi fosse impossibilitato all’invio tramite e-mail, sarà possibile fissare un appuntamento per la consegna della domanda di iscrizione cartacea presso il servizio istruzione di via Sassi 18, telefonando ai numeri 0341 481354-355.
Sulla base dei posti eventualmente ancora disponibili, dal 6 al 17 luglio sarà ancora possibile presentare domanda di partecipazione al Cres per il mese di agosto, con le medesime modalità.
Anche l’Associazione Scuole dell’infanzia paritarie di Lecco in collaborazione con la Cooperativa Prima i Bambini e con il supporto del Comune di Lecco e della Fondazione Comunitaria del Lecchese, propone quest’anno la possibilità di accogliere bambini dai 3 ai 6 anni durante il periodo estivo con un progetto educativo unitario pur dentro le specificità di ogni scuola.
La proposta dei Centri Estivi sarà attivata dal 29 giugno al 31 luglio dalle 8 alle 14 in più scuole paritarie cittadine a condizione del raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.
Per aderire è possibile inviare la preiscrizione via mail alla segreteria della propria scuola entro e lunedì 15 giugno, i bambini provenienti dalle scuole dell’infanzia statali invece potranno inviare la domanda a segreteria.associazionelecco@gmail.com. Allo stesso indirizzo è possibile scrivere per avere maggiori informazioni.
Clara Fusi
“L’importanza del Cres in questa fase così delicata, che ha stravolto le abitudini più elementari di ciscuno di noi e dei nostri bambini e ragazzi, ci ha spronato e ci ha guidato nella costruzione del progetto estivo 2020 – sottolinea l’assessore all’istruzione del Comune di Lecco Clara Fusi. Le accortezze che abbiamo dovuto adoperare nell’organizzazione di questa edizione sono innumerevoli, così come complesso e articolato è il lavoro svolto in questo senso, grazie al quale possiamo poporre un servizio indispensabile e prezioso per i genitori e per i figli, quest’estate più che mai. Anche per questo abbiamo lavorato per estendere la durata delle attività fino al 21 agosto. I costi che i centri estivi dovranno sostenere sono più impegnativi rispetto a quelli degli anni passati, ciò nonstante il Cres del Comune di Lecco ripropone alle famiglie le medesime rette settimanali del 2019, inoltre riconosciamo all’Associazione Scuole dell’infanzia paritarie di Lecco, che organizza con la collaborazione del Comune di Lecco i centri estivi, un contributo che permette anche a loro di calmierare le rette”.

Rinnovato il comodato gratuito per la vettura elettrica in uso ai servizi sociali

Prorogato fino al 31 maggio il contratto di comodato d’uso gratuito per l’utilizzo di un veicolo elettrico del servizio di car sharing, già sottoscritto all’inizio del mese di aprile dal Comune di Lecco con E-Vai.
L’autovettura è impiegata degli operatori del settore politiche sociali del Comune per effettuare gli spostamenti sul territorio comunale necessari allo svolgimento delle attività di sostegno e di concreto aiuto alla cittadinanza in questa fase emergenziale. Un mezzo aggiuntivo a sostegno dei servizi comunali più necessari e indifferibili che, in questo momento, sono sottoposti a una forte pressione tesa al soddisfacimento delle necessità sociali.
Auto elettrica
“Siamo felici di questo intervento e ringraziamo l’azienda per la disponibilità – commenta l’assessore all’ambiente del Comune di Lecco Alessio Dossi. In un momento così difficile anche questo rinnovo ci dà una mano importante. Questa auto elettrica ha fornito infatti un aiuto concreto ai nostri servizi sociali, ma lancia anche un messaggio fondamentale rispetto ai temi della mobilità sostenibile, di cui non dobbiamo dimenticarci in questa fase di ripresa per non commettere errori simili a quelli commessi in passato”.
L’impiego di questo veicolo ha ampliato e accelerato la possibilità di risposta dei servizi ai bisogni dei cittadini, rappresentando uno strumento di grande importanza in questa fase di emergenza.

Dal 27 aprile si possono ritirare le pensioni di maggio

Poste
Poste Italiane rende noto che le pensioni del mese di maggio verranno accreditate il 27 aprile per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti dagli ATM Postamat, senza bisogno di recarsi allo sportello.
Coloro che invece non possono evitare di ritirare la pensione in contanti, nell’ufficio postale, dovranno presentarsi agli sportelli rispettando la turnazione alfabetica prevista dal calendario seguente:
I cognomi dalla A alla B lunedì 27 aprile;
dalla C alla D martedì 28 aprile;
dalla E alla K mercoledì 29 aprile;
dalla L alla P giovedì 30 aprile;
dalla Q alla Z sabato mattina 2 maggio.
Per andare incontro alle esigenze della clientela migliorando la facilità di accesso e garantendo il valore della capillarità, da lunedì 27 aprile riapriranno al pubblico dal lunedì al sabato 16 uffici postali, finora aperti a giorni alterni.
BARZANO’
BULCIAGO
CALOLZIOCORTE
CASATENOVO
COSTA MASNAGA
GALBIATE
LOMAGNA
MANDELLO DEL LARIO
MISSAGLIA
MOLTENO
MONTICELLO
OGGIONO
OLGINATE
PADERNO D’ADDA
ROGENO
VERCURAGO
Inoltre ripristinerà il doppio turno, con estensione dell’orario fino alle 19.05 (sabato escluso) l’ufficio di Lecco Dante.
Poste Italiane ricorda inoltre che i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri.
Nell’attuale fase di emergenza sanitaria, le nuove modalità di pagamento delle pensioni hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti di Poste Italiane. In questa fase, ciascuno è pertanto invitato ad entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili, in ogni caso avendo cura, ove possibile, di indossare dispositivi di protezione personale; di entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti; tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico.
Fonte Poste

PrimaveraFesta di Rancio: appuntamento al 2021

2004_primavera_festa_3Sabato 2 e domenica 3 maggio si sarebbe dovuta svolgere la 15^ edizione della Primavera Festa di Rancio, appuntamento amatissimo dai lecchesi e non solo, che durante questo speciale weekend hanno l’occasione di scoprire gli angoli più caratteristici del rione ai piedi del San Martino.
Proprio poche settimane prima del lockdown deciso per fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso, si era messa in moto la macchina organizzativa dell’evento, che oltre agli abitanti rancesi coinvolge ormai molti fra enti e associazioni (LTM, la parrocchia di Rancio, il Circolo Libero Pensiero, il Circolo Pio X, il Liceo Leopardi, la delegazione di Lecco del FAI e il Comune di Lecco che patrocina l’iniziativa), ma l’emergenza ben nota a tutti ha portato ha sospenderne la realizzazione.
“Questi che dovevano essere i giorni più frenetici, quelli che precedono il weekend della festa, di fatto sono invece quelli che dobbiamo vivere ancora con prudenza, in una sorta di tempo sospeso… Rimandiamo quindi al prossimo anno l’appuntamento con la PrimveraFesta di Rancio in quello che si rivela come uno degli angoli più incantevoli della nostra città. Faremo di tutto perché sia una delle edizioni più belle di sempre” – dicono i referenti della festa.
Comunicato e foto dal comune di Lecco
2004_primavera_festa_4

Lecco: arriva la primavera

Aprile meteo italia europa
INVERNO 2019-2020, IL PIU’ CALDO MAI REGISTRATO IN EUROPA – “Le ultime due settimane di marzo hanno visto l’arrivo su Italia ed Europa del vero Inverno, Inverno che è invece stato totalmente assente per gran parte del suo trimestre di competenza, ovvero dicembre-gennaio-febbraio” – spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara. L’inverno appena concluso è stato infatti il più caldo di sempre sull’Europa, da quando si effettuano le misurazioni. E’ quanto emerge delle analisi ed elaborazioni di Copernicus, progetto nato su iniziativa dell’Agenzia Spaziale Europa e della Commissione Europea, che elabora miliardi di dati provenienti dalle misurazioni satellitari ma anche di terra tramite navi, aerei e stazioni meteorologiche dislocate in tutto il mondo. L’Inverno appena concluso è risultato più caldo del normale (rispetto alla media di riferimento trentennale 1981-2010) di ben 3.4°C in Europa, un valore ancora più eccezionale se confrontato con l’anomalia a livello globale di 0.8°C: il mese più caldo è stato quello di febbraio con un’anomalia termica complessiva di 3.9°C sopra la media.

“Le temperature sono risultate sopra media su quasi tutto il Vecchio Continente” – prosegue Ferrara di 3bmeteo.com – “a tratti sotto media solamente su Isole Britanniche, Francia atlantica e Penisola Iberica. Questo a causa di un vortice polare estremamente forte sul Polo Nord, che ha alimentato frequenti tempeste atlantiche sul Nord Europa, esponendo inoltre il comparto europeo centro-meridionale a venti spesso molto miti di matrice sub-tropicale. Questi venti hanno invaso con frequenza anche zone solitamente esposte ai venti artici o siberiani, come Russia e Scandinavia, dove di fatto si sono evidenziate le anomalie termiche più pesanti”.

IL FREDDO DI QUESTI GIORNI? SOLO UNA PARENTESI, TORNANO SOLE E PIU’ CALDO PROBABILMENTE FINO A PASQUA- “Solo nelle ultime due settimane abbiamo assistito ad una inversione di tendenza non solo in Europa ma anche in Italia, con l’arrivo di venti freddi che hanno fatto crollare le temperature e favorito nevicate talora anche in pianura. Si può dire che il vero Inverno ci sia stato solo nella seconda parte di marzo, ormai fuori tempo massimo e nel cuore di una nascente Primavera. D’altra parte anche questi eventi fanno parte di una stagione di mezzo come quella primaverile, con casi eclatanti in Italia pure nel passato: diversi gli eventi di gelo e neve marzolina, tra i più importanti ricordiamo quelli del 1949, 1971, 2005, 2013, mentre quelli del 1962 e 1987 furono eccezionali anche per durata. Notevole pure il caso del 17 aprile 1991, quando dopo una mattinata con 18-20°C, tra pomeriggio e sera vi fu un tracollo termico eccezionale con nevicate diffuse su tutta la Valpadana (accumulò persino a Milano). Ad ogni modo ora la Primavera tornerà rapidamente a mostrarci il suo lato più mite: nei prossimi giorni arriverà l’anticiclone con tanto sole, salvo residue note instabili all’estremo Sud, specie in Sicilia. Il tutto sarà accompagnato da un netto rialzo delle temperature con punte anche di oltre 22°C nella prossima settimana e gelate tardive notturne che saranno solo un ricordo. Questa situazione potrebbe perdurare almeno sino alle festività pasquali” – concludono da 3bmeteo.com

Coronavirus: uffici provinciali chiusi fino al 15 aprile e attivi in smart working

provincia Lecco
Come da disposizioni governative e regionali gli uffici della Provincia di Lecco sono chiusi al pubblico fino al 15 aprile, attivi in smart-working e raggiungibili ai seguenti recapiti:

Ambiente: 0341 295238 servizioambiente@provincia.lecco.it

Appalti, Contratti, Espropri, Stazione unica appaltante: 0341 295303 barbara.funghini@provincia.lecco.it

Centro per l’impiego di Lecco: 0341 295485 centroimpiego.lecco@provincia.lecco.it

Centro per l’impiego di Merate: 0341 295702 centroimpiego.merate@provincia.lecco.it

Collocamento disabili: 0341 295532 / 533 collocamento.obbligatorio@provincia.lecco.it

Concessioni: 0341 295374 roberto.savoldelli@provincia.lecco.it

Contabilità, Economato: 0341 295357 corrado.conti@provincia.lecco.it

Cultura e Turismo: 0341 295483 turismo@provincia.lecco.it

Ict e Cst – Centro servizi territoriale: 0341 295303 barbara.funghini@provincia.lecco.it

Infopoint di Lecco: 0341 295720 info.turismo@provincia.lecco.it

Istruzione e Formazione professionale: 0341 295467 segreteria.istruzione@provincia.lecco.it

Organizzazione e risorse umane: 0341 295316 risorseumane@provincia.lecco.it

Pianificazione territoriale: 0341 295303 barbara.funghini@provincia.lecco.it

Polizia provinciale: 0341 295254 / 249 polizia.provinciale@provincia.lecco.it

Protezione civile: 0341 295436 protezionecivile@provincia.lecco.it

Protocollo: 0341 295304 / 334 / 336 protocollo@provincia.lecco.it

Segreteria generale: 0341 295361 / 381 segreteria.generale@provincia.lecco.it

Sinistri stradali: 0341 295420 remo.dangelo@provincia.lecco.it

Sportello Caldaie: 0341 295235 / 266 sportellocaldaie@provincia.lecco.it

Trasporti eccezionali: 0341 295425 trasporti.eccezionali@provincia.lecco.it

Trasporti e Mobilità: 0341 295436 protezionecivile@provincia.lecco.it

Viabilità: 0341 295424 angelo.valsecchi@provincia.lecco.it

Villa Monastero: 0341 295450 villa.monastero@provincia.lecco.it

1 2 3 10