Archivio Categorie: Lecco e dintorni

Gli animali al tempo dell’emergenza coronavirus: il vademecum dell’Enpa

cane-gatto-cuccioli
Gli animali non trasmettono il coronavirus. È bene dirlo subito e con chiarezza. Anzi: in difficili giornate come queste hanno tanto affetto da darci e tanto amore da ricevere. Tutti gli animali: compresi ovviamente quelli che vivono liberi o all’interno di un rifugio, ai quali non bisogna far mancare la necessaria assistenza. Va tutelato il “bene salute”, e questo è chiaramente scritto nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020; il “bene salute” di umani e non umani. Come comportarsi allora? Ecco un piccolo vademecum che nasce dalle tante domande a cui Enpa sta rispondendo in queste ore.
L’Enpa ricorda che ovviamente che vanno sempre, in ogni occasione, rispettate le regole sanitarie: distanza di sicurezza, pulizia accurata e continua delle mani, attenzione a non portarsi le mani alla bocca e agli occhi, evitare abbracci tra umani. Oltre al rispetto delle regole sanitarie è importante spostarsi solo quando strettamente necessario, e questo a tutela della salute di tutti.
1) Posso uscire all’aperto con il mio cane?
Sì. Il decreto non vieta lo spostamento di uomini e animali all’interno dello stesso Comune di residenza. Fare una passeggiata con il nostro cane è necessario per il suo benessere e anche per il nostro. È una attenzione al “bene salute” umano e animale. Sempre stando molto attenti alle regole sanitarie minime.
2) Sono una gattara e accudisco una colonia felina in un Comune diverso da quello di residenza. Posso continuare a farlo?
Sì. A nostro avviso, la gattara autorizzata deve continuare a occuparsi della sua colonia felina in quanto la circostanza è uno “stato di necessità”: i gatti (che sono tutelati dalla legge) non sarebbero infatti accuditi e alimentati e sarebbero esposti a maltrattamento e a abbandono. Di più: se alla gattara viene impedito di prendersi cura della propria colonia felina, i gatti andrebbero alla ricerca di cibo, creando potenzialmente una dispersione della colonia e un problema sanitario. Le gattare che si trovassero in questa condizione, devono avere una autocertificazione in cui si dichiara lo stato di necessità. ATTENZIONE! Alcune Prefetture richiedono la dichiarazione dell’Ente o dell’associazione di appartenenza o il modulo Asl di assegnazione diretta e nominativa della colonia felina.
3) Sono un volontario: posso continuare a fare volontariato per gli animali in una struttura?
Sì. Chiaramente occorre innanzitutto rispettare il principio della limitazione degli spostamenti. Quindi si può continuare a fare volontariato solo quando strettamente necessario per gli animali. È necessario compilare il modello di autocertificazione in cui si dichiara lo stato di necessità.
4) Le adozioni di animali nei rifugi sono sospese?
Le adozioni di animali nei rifugi non sono sospese. Tanto viene affermato anche in una circolare del Ministero della Salute a proposito delle prestazioni differibili e indifferibili. L’adozione di animali è considerata “differibile” solo al fine di limitare lo spostamento degli umani, ma non è né vietata né sospesa. Ovviamente vanno seguite le regole del rifugio presso il quale si vuole adottare un animale: alcuni danno in adozione solo per appuntamento, ad esempio. È bene quindi contattare telefonicamente prima la struttura, qualora si volesse adottare un animale. La condizione, in questo caso, è quella di recarsi nel rifugio situato nel proprio Comune di residenza.
5) Posso segnalare un animale vagante ferito o in difficoltà?
Si deve segnalare! Per il Ministero della Salute, il soccorso o il recupero di animali vaganti o feriti è una prestazione “indifferibile”. Quindi nel caso in cui ci fosse un animale vagante o ferito bisogna assolutamente segnalare il caso alla Polizia Municipale del luogo precisando che secondo il Ministero della Salute, il soccorso o il recupero è prestazione “indifferibile” e non può quindi passare in secondo piano.
6) C’è sufficiente disponibilità di cibo per animali?
La circolazione delle merci e la loro produzione non ha subito alcuna limitazione. Non c’è pertanto alcun timore in merito alla disponibilità, anche in futuro, di pet food.
Foto da Internet

Coronavirus: un numero telefonico dedicato agli over 75 soli

Il Comune di Lecco contatta le persone anziane che vivono sole di cui ha un numero telefonico. In ogni caso è possibile chiamare lo 0341 481542.
L’infezione da Coronavirus è una malattia causata da un virus che si diffonde velocemente tra le persone, attraverso il contagio diretto o tramite le goccioline di saliva quando si tossisce o si starnutisce. Nella maggior parte dei casi non comporta gravi conseguenze, ma se colpisce persone anziane o con altre patologie può diventare pericolosa. La miglior cura è quella di prevenire il contagio, riducendo al minimo o annullando la frequentazione di luoghi affollati.
Per questo motivo è consigliato, in particolare alle persone anziane, rimanere al proprio domicilio.
L’Amministrazione comunale di Lecco, in ottemperanza alle indicazioni ministeriali, vuole dedicare particolare attenzione alle persone ultra-settantacinquenni sole e, quindi, potenzialmente più fragili. A tale proposito verranno contattate le persone che risultano vivere da sole e delle quali si ha un recapito telefonico.
In ogni caso, è possibile chiamare al numero telefonico 0341 481542 da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 13.30, mercoledì e giovedì fino alle 16.
Un operatore ascolterà le necessità e cercherà di trovare soluzioni. Gli interessati dovranno rivolgersi a questo numero solo nel caso in cui non avessero altri canali di supporto personale a cui far riferimento (familiari, amici, vicini di casa, ecc.), in modo da permettere al Comune di rispondere al meglio alle situazioni di reale bisogno.

Emergenza coronavirus: ulteriori provvedimenti della Provincia di Lecco

Coronavirus lc
EMERGENZA CORONAVIRUS: ULTERIORI PROVVEDIMENTI DELLA PROVINCIA DI LECCO
Il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli ha firmato oggi un nuovo decreto che contiene ulteriori limitazioni per il contrasto e il contenimento del Coronavirus, adeguandosi alle nuove disposizioni ministeriali:
· limitazione dell’accesso degli utenti agli uffici provinciali, dando atto che tutti i servizi vengono garantiti in modalità informatica e telefonica o previo appuntamento
· limitazione dell’accesso all’Ufficio Protocollo, riducendo l’apertura al pubblico nei seguenti giorni e orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00
Rimangono in vigore fino a revoca i seguenti provvedimenti:
· chiusura di Villa Monastero e della sala don Ticozzi con la conseguente sospensione di tutti gli eventi/incontri programmati
· chiusura delle palestre scolastiche degli istituti superiori
· sospensione delle procedure concorsuali, degli esami e dei corsi programmati
· sospensione dei servizi di front office dei Centri per l’impiego di Lecco e Merate, del Collocamento disabili, dello Sportello Caldaie e dell’Infopoint di Lecco
· per la Stazione unica appaltante tutte le sedute pubbliche delle procedure telematiche in scadenza nel mese di marzo si terranno a porte chiuse e non sarà ammessa la presenza di alcun operatore economico; gli esiti di gara saranno pubblicati nella sezione Documentazione di gara della rispettiva procedura
Recapiti utili:
Ambiente
· 0341 295238
· servizioambiente@provincia.lecco.it
Appalti, Contratti, Espropri, Stazione unica appaltante
· 0341 295303
· barbara.funghini@provincia.lecco.it
Centro per l’impiego di Lecco
· 0341 295485
· centroimpiego.lecco@provincia.lecco.it
· 0341 295702
· centroimpiego.merate@provincia.lecco.it
Collocamento disabili
· 0341 295532 / 533
· collocamento.obbligatorio@provincia.lecco.it
Concessioni
· 0341 295374
· roberto.savoldelli@provincia.lecco.it
Contabilità, Economato
· 0341 295357
· corrado.conti@provincia.lecco.it
Cultura e Turismo
· 0341 295483
· turismo@provincia.lecco.it
Ict e Cst – Centro servizi territoriale
· 0341 295303
· barbara.funghini@provincia.lecco.it
Infopoint di Lecco
· 0341 295720
· info.turismo@provincia.lecco.it
Istruzione e Formazione professionale
· 0341 295467
· segreteria.istruzione@provincia.lecco.it
Organizzazione e risorse umane
· 0341 295316
· risorseumane@provincia.lecco.it
Pianificazione territoriale
· 0341 295303
· barbara.funghini@provincia.lecco.it
Polizia provinciale
· 0341 295254 / 249
· polizia.provinciale@provincia.lecco.it
Protezione civile
· 0341 295436
· protezionecivile@provincia.lecco.it
Segreteria generale
· 0341 295361 / 381
· segreteria.generale@provincia.lecco.it
Sinistri stradali
· 0341 295420
· remo.dangelo@provincia.lecco.it
Sportello Caldaie
· 0341 295235 / 266
· sportellocaldaie@provincia.lecco.it
Trasporti eccezionali
· 0341 295425
· trasporti.eccezionali@provincia.lecco.it
Trasporti e Mobilità
· 0341 295436
· protezionecivile@provincia.lecco.it
Viabilità
· 0341 295424
· angelo.valsecchi@provincia.lecco.it
Villa Monastero
· 0341 295450
· villa.monastero@provincia.lecco.it

Il Coronavirus taglia i passeggeri sui treni: ridotte le corse

Treni TreNordNella settimana dal 24 febbraio al 1 marzo, in seguito alle misure attuate per affrontare l’emergenza sanitaria, sui treni lombardi è stato rilevato un calo dell’affluenza del 60% – da 820mila a 350mila paseggeri in un giorno feriale – per la sospensione delle attività di atenei, scuole e diverse imprese. Rimanendo confermati tali provvedimenti, nella settimana da lunedì 2 a domenica 8 marzo viene confermata la riduzione del servizio Trenord che riguarda l’8% delle 2300 corse programmate. In Lombardia circoleranno 2100 treni. Inoltre da lunedì 2 marzo in seguito al ripristino dei binari dell’Alta Velocità sulla linea Milano-Piacenza da parte di RFI i treni della linea S1 Saronno-Lodi avranno nuovamente origine e destinazione a Lodi e i treni della linea Milano Centrale-Brescia-Verona avranno origine e destinazione a Milano Centrale.

I dettagli sulle modifiche
Tutte le informazioni sui provvedimenti sono disponibili nelle pagine di ogni direttrice sul sito trenord.it e sull’App Trenord.
In particolare, su rete Ferrovienord sono previste le seguenti modifiche:
· le corse della linea S2 Milano Rogoredo-Passante-Mariano Comense non saranno effettuate. I viaggiatori possono utilizzare i treni della linea S4 Camnago-Cadorna e i servizi del Passante ferroviario.

· le corse della linea S12 Melegnano-Milano Bovisa non saranno effettuate. I viaggiatori possono utilizzare i treni della linea S1 Saronno-Lodi.
· il servizio della linea S3 Saronno-Milano Bovisa-Milano Cadorna sarà sospeso dalle ore 9 alle ore 22. I viaggiatori possono utilizzare i treni della linea S1 Saronno-Lodi e le linee regionali per il collegamento Saronno-Milano Cadorna.
· subiranno modifiche con la riduzione di alcune corse anche le linee S9 Saronno-Seregno-Albairate; Milano Cadorna-Novara Nord; Milano Cadorna-Varese-Laveno; Milano Cadorna-Como Lago; S4 Milano Cadorna-Camnago
Su rete RFI subiranno modifiche – con la riduzione di alcune corse – le seguenti linee: Milano-Bergamo via Treviglio; Milano-Sondrio-Tirano; Milano-Brescia-Verona; Milano-Mortara-Alessandria; S11 Milano-Como San Giovanni; Milano-Cremona via Treviglio; Cremona-Mantova; Cremona-Brescia; S5 Varese-Milano-Treviglio.
In adempimento di quanto previsto dall’ordinanza regionale, prosegue la sospensione delle fermate di Codogno, Maleo, Casalpusterlengo. I treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermano a Codogno. Sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno il servizio è parzialmente sospeso. È inoltre sospesa l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo.

Le operazioni di sanificazione della flotta
Dando seguito alle disposizioni delle Autorità sanitarie, Trenord ha messo in atto le opportune misure precauzionali per la tutela dei passeggeri e del personale. I convogli sono sottoposti a operazioni di sanificazione, che sono svolte di notte presso gli impianti di Milano Fiorenza e Novate Milanese e di giorno, durante i tempi di sosta dei treni, presso le principali stazioni di Milano.
Tramite i propri canali di comunicazione – esterna e interna – l’azienda ha invitato i passeggeri e i dipendenti a rispettare le dieci regole di prevenzione diffuse dal Ministero della Salute.

Il ripristino dei binari AV Milano-Piacenza
Da lunedì 2 marzo in seguito al ripristino dei binari dell’Alta Velocità sulla linea Milano-Piacenza da parte di Rete Ferroviaria Italiana:
· i treni della linea S1 Saronno-Lodi torneranno ad avere origine e destinazione a Lodi – invece che a Melegnano
· i treni della linea Milano Centrale-Brescia-Verona avranno origine e destinazione a Milano Centrale – invece che a Milano Lambrate.
Foto da Internet

Rinvio per Leggermente 2020. Appuntamento dopo Pasqua

libri
L’emergenza Coronavirus ha costretto gli organizzatori di “Leggermente” a un cambiamento nella programmazione. La manifestazione di promozione della lettura, organizzata da Assocultura Confcommercio Lecco e originariamente in programma dal 21 al 29 marzo, è stata spostata a dopo Pasqua e più precisamente al periodo 15-19 aprile.
“Visto il protrarsi dell’incertezza relativa ai provvedimenti che potrebbero essere adottati anche nel nostro territorio, ci vediamo costretti a sospendere la programmazione di Leggermente, in particolare quella relativa alle scuole, e a rinviare la manifestazione ad aprile – spiega il presidente di Assocultura Confcommercio Lecco, Antonio Peccati – Per la prima volta Leggermente non si terrà a cavallo della data del 24 marzo, Giornata Nazionale di Promozione della Lettura. Ci dispiace, ma non potevamo fare altrimenti per rispetto degli autori, degli alunni e del pubblico: non volevamo ridimensionare questa edizione, né sacrificare alcuni incontri, né compromettere la partecipazione piena alle nostre proposte”. E aggiunge: “Sappiamo che questo rinvio andrà a impattare soprattutto sul programma delle scuole già definito da settimane. Abbiamo però ritenuto doveroso tenere conto di tutto ciò che sta accadendo”.
L’idea, vista l’impossibilità di assicurare una edizione in condizioni normali nel mese di marzo, è stata subito di trovare un nuovo periodo. E così è stato individuato il mese di aprile, in particolare i giorni dopo Pasqua: “Da parte nostra non vogliamo rinunciare alla realizzazione della XI edizione di Leggermente né tanto meno arrenderci, anzi ci metteremo ancora più determinazione ed entusiasmo. Stiamo lavorando fin da ora per poter proporre, anche se in forma modificata, il Festival dal 15 al 19 aprile 2020. In queste date, prevediamo appuntamenti per le scuol,e oltre che per il numeroso pubblico di lettori che ci segue annualmente. Ma non ci limiteremo a questi cinque giorni perchè, intorno a questo periodo in cui costruiremo principalmente l’offerta per le scuole, avremo diversi eventi di “Leggermente OFF” sia in aprile che nel mese di maggio. Nei prossimi giorni andremo a inviare a istituti e docenti le nuove proposte per consentire una riprogrammazione degli incontri rivolti agli studenti”. Poi conclude: “Da questo ostacolo rappresentato dall’emergenza Coronavirus vogliamo uscire mettendo in campo una azione culturale positiva, che rilanci con ottimismo il nostro futuro e in particolare quello delle nuove generazioni”.
Per seguire le novità e la riprogrammazione della undicesima edizione, dedicata al tema “Essere umani. Riscoprire il sentimento” è possibile consultare il sito www.leggermente.com.

Dal 7 marzo la mostra dedicata al movimento delle donne a Lecco

Lecco filo_rosso_locandina
Si inaugura sabato 7 marzo alle 18 nella sala espositiva al piano terra di Palazzo delle Paure in piazza XX Settembre la mostra “Il Filo Rosso” dedicata alle storie del movimento delle donne a Lecco.
Un’esposizione nata da un’idea di Enrica Bartesaghi e Giacinta Papini del Collettivo Femminista Autonomo di Lecco, in collaborazione con l’UDI, la CGIL, il Liceo Medardo Rosso e il Comune di Lecco, che raccoglie le interviste, 32 in totale, realizzate attorno ad alcuni temi rilevanti, a donne dell’UDI – Unione Donne Italiane e del Collettivo Femminista lecchese. Interviste che, insieme a pannelli tematici danno voce alle protagoniste del movimento femminista dagli anni ’70. Il filo rosso, suggerito dal titolo della mostra, è proprio quello che unisce tutte le donne e che non si spezzerà finché le loro storie e le loro lotte saranno raccontate.
I movimenti, le manifestazioni, la legge 194, la famiglia e il lavoro, le discriminazioni e le violenze vengono raccontate in una mostra che è anche documentaria, con manifesti d’epoca, abiti e accessori, gli slogan, i canti e le letture del movimento femminista.
La mostra, visitabile fino al 5 aprile, sarà arricchita da due eventi di approfondimento: mercoledì 11 marzo alle 10 nella sala conferenze di Palazzo delle Paure, Rosangela Pesenti, femminista dell’UDI, insieme a Francesca Seghezzi di CGIL Lecco, incontreranno gli studenti delle scuole superiori di Lecco per parlare di “Donne e lavoro nel ‘900”. Giovedì 28 marzo alle 21 presso l’Auditorium Sorelle Villa – Spazio Teatro Invito andrà in scena lo spettacolo teatrale “Parole evase”, per la regia di Sabrina Corabi e Mattia Pezzoli, scritto e interpretato da Sabrina Corabi, Alessandra Fumagalli, Anna Moramarco, Lilli Pozzi, Olga Piatti, Marcella Lamberti e Vania Castelnuovo.

Coronavirus: chiuse le scuole

coronavirus-1
Regione Lombardia, in relazione all’evolversi della diffusione del Coronavirus, sta predisponendo una Ordinanza, firmata dal presidente Attilio Fontana di concerto con il ministro della salute Roberto Speranza, valida per tutto il territorio lombardo. Il documento, non appena emanato, sarà trasmesso a tutti i Prefetti delle Province lombarde per la tempestiva comunicazione ai sindaci. L’ordinanza sarà efficace fino a un nuovo provvedimento.
Tra i provvedimenti previsti sono contemplati:
1) la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;
2) sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per gli anziani ad esclusione degli specializzandi e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza;
3) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura;

L’ordinanza, i cui contenuti puntuali saranno resi noti nelle prossime ore, sarà soggetta a modifiche al seguito dell’evolversi dello scenario epidemiologico.
Raccomandiamo a tutti i cittadini di rispettare le misure igieniche per le malattie a diffusione respiratoria quali:
1) lavarsi spesso le mani con soluzioni idroalcoliche,
2) evitare i contatti ravvicinati con le persone che soffrono di infezioni respiratorie,
3) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani,
4) coprirsi naso e bocca se si starnutisce o tossisce,
5) non prendere antivirali o antibiotici se non prescritti,
6) contattare il numero verde regionale solo per la zona di Codogno interessati dall’ordinanza 800.89.45.45 o il 112 se hai febbre o tosse o sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni.

News aggiornate su www.lombardianotizie.online

Dal 23 al 29 febbraio 2020, il tradizionale appuntamento con il Carnevalone di Lecco, organizzato da LTM in collaborazione con il Comune di Lecco

Colico Il polittico di San Giorgio
Dal 23 al 29 febbraio 2020, il tradizionale appuntamento con il Carnevalone di Lecco, organizzato da LTM in collaborazione con il Comune di Lecco.
Programma
Domenica 23 febbraio
Ore 16 – Ritrovo in piazza XX Settembre con i Regnanti e il Corpo musicale G. Donizetti di Calolziocorte
Ore 16.20 – Partenza del corteo per il Palazzo Comunale attraverso via Roma, via Carlo Cattaneo, via Cairoli, via Cavour, via Volta e piazza Diaz
Ore 16.30 – Consegna delle chiavi della città ai Regnanti da parte del Sindaco di Lecco.
Ore 16.45 – Rinfresco per tutti offerto dai Regnanti, a cura di LTM, Alpini Pizzo D’Erna

Martedì 25 febbraio – Visita dei Regnanti alle Scuole dell’Infanzia della città

Mercoledì 26 febbraio
Ore 15 – Visita dei Regnanti all’Istituto “Airoldi e Muzzi” con accompagnamento musicale di Daniele Violi
Ore 19.30 – Cena con i ragazzi diversamente abili presso il Circolo Campaniletto di Pescarenico

Giovedì 27 febbraio
Ore 16.30 – Piazza XX Settembre (fronte palazzo delle Paure) – Animazione con Il Filoteatro “Il tesoro del Capitano” e merenda per tutti i bambini offerta da Nonna Pallina.
Dalle 15.30 saranno presenti le allieve del Galas – Lecco per truccare le mascherine.
Ore 20.00 – Gran Galà: Cena con i Regnanti nel salone dell’Oratorio San Francesco (piazza Cappuccini); a seguire musica dal vivo con DJ MAX.
Prenotazione obbligatoria entro martedì 25 febbraio.

Venerdì 28 febbraio
Durante la gioranta i Regnanti nei quartieri della città
Ore 15 circa – Visita agli ospiti RSA Borsieri di Lecco

Sabato 29 febbraio
Ore 14.30 – Partenza sfilata del Carnevalone da piazza Cappuccini
Percorso: piazza Cappuccini, viale Turati, via Parini, via Ongania, via Resinelli, largo Montenero, via Volta, via Cavour, piazza Garibaldi, piazza Mazzini, piazza Manzoni, viale Dante, via Marco d’Oggiono, via Sassi, piazza Diaz e rientro sfilata verso piazza Cappuccini.
Ore 16.30/17 – In piazza Garibaldi esibizione Gruppo Sbandieratori e musici della Torre di Primaluna;
a seguire premiazione carri e gruppi.
Ore 21 – in piazza Garibaldi, spettacolo Carioca Dance; a seguire musica con DJ in collaborazione con Lecco FM.
In piazza XX Settembre ( fronte Palazzo delle Paure), Musica Country con 700 metri sopra il cielo.

Seconda edizione per il cineforum “Ma che film la vita!” organizzato da Confcommercio Lecco e dalla Parrocchia di San Nicolò

Seconda edizione per il cineforum “Ma che film la vita!” organizzato da Confcommercio Lecco e dalla Parrocchia di San Nicolò, in collaborazione con il Cenacolo Francescano di Lecco. La mini-rassegna, prevista anche quest’anno durante il periodo di Quaresima, si terrà nella sala di piazza Cappuccini a Lecco il martedì sera con inizio alle ore 20.30. Quattro serate (3-10-17-31 marzo) che permetteranno di vedere film di qualità, di ascoltare le parole dei registi presenti in sala per raccontare la loro opera e di approfondire tematiche di grande attualità. Martedì 3 marzo ci sarà l’incontro con Gianni Amelio che presenterà il suo “Hammamet”, mentre il 10 marzo sarà la volta di “Figli” che verrà raccontato in prima persona dal regista Giuseppe Bonito; il 17 spazio al confronto con il regista Francesco Amato a partire dal film “18 Regali”, mentre martedì 31 la rassegna si concluderà con “Bar Giuseppe” e il suo regista Giulio Base.
“Ma che film la vita!” è stato presentato giovedì 20 febbraio presso la sede di Confcommercio Lecco alla presenza dei vertici dell’associazione (il presidente Antonio Peccati e il direttore Alberto Riva), del prevosto don Davide Milani e del presidente del Cenacolo Francescano, Mario Bonacina.
“Anche quest’anno abbiamo voluto essere attori protagonisti di questa bella iniziativa educativa e culturale – ha spiegato il presidente di Confcommercio Lecco, Antonio Peccati – La prima edizione è stata un successo oltre ogni aspettativa e siamo convinti che questa seconda edizione saprà conquistare ancora molti lecchesi. Il format – che prevede l’incontro con l’autore e la scelta di tematiche di grande attualità e interesse – è vincente. Ringrazio ancora una volta don Davide Milani e anche il Cenacolo Francescano per la disponibilità”.
Il prevosto, anche presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo, ha rimarcato l’importanza del cinema come “strumento per fare riflettere”: “Non è questione di passione personale, ma è un dato di fatto che un film di qualità, e queste quattro pellicole sono di qualità, riesca ad andare in profondità offrendo uno sguardo e un approfondimento che rappresenta esso stesso uno spunto di riflessione. Un buon film è molto più efficace di una conferenza”.
Da parte sua Mario Bonacina ha ricordato la scommessa fatta lo scorso anno in occasione della prima edizione, che però ha pagato “vista la crescita costante degli spettatori di serata in serata”, annunciando la novità di quest’anno: “L’ingresso resta libero e gratuito, ma sarà necessario prenotarsi (dal sito www.teatrocenacolofrancescano.it) per assicurarsi il posto. In questo modo potremo gestire al meglio gli accessi: chiediamo a chi si prenota di arrivare entro le 20.15, quindi un quarto d’ora prima dell’inizio della proiezione. Da quell’orario in poi, “libereremo” i posti e faremo entrare chi non si è prenotato”.
Il filo conduttore della rassegna 2020 è il tema delle relazioni dentro la famiglia. A illustrare i 4 film e i 4 argomenti che verranno approfonditi è stato lo stesso don Milani. Si parte, come detto, martedì 3 marzo con “Hammamet” diretto da Gianni Amelio con PierFrancesco Favino, e la tematica “Alla ricerca del padre”, per poi proseguire il 10 marzo con “Figli”, diretto da Giuseppe Bonito con Valerio Mastandrea e Paola Cortellesi sull’argomento “La fatica dei figli”, il 17 con “18 Regali” di Francesco Amato con Vittoria Puccini per parlare de “L’amore di una madre”, e infine chiudere con “Bar Giuseppe” di Giulio Base con Ivano Marescotti su “Diventare sposi”.
I film, a ingresso gratuito, verranno proiettati presso il Cenacolo Francescano di piazza Cappuccini a Lecco il martedì sera a partire dalle ore 20.30. La prenotazione del posto va effettuata sul sito www.teatrocenacolofrancescano.it: la poltrona verrà tenuta riservata fino alle 20.15. La rassegna, come detto organizzata da Confcommercio Lecco e Parrocchia di San Nicolò, insieme al Cenacolo Francescano, vede la collaborazione anche della Fondazione Ente dello Spettacolo e ha come media partner il Giornale di Lecco – Gruppo Netweek e TeleUnica.
Cineforum
Il programma
Martedì 3 marzo ore 20.30
Hammemet – incontro con il regista Gianni Amelio
Alla ricerca del padre. La lunga agonia di un uomo, Craxi, che fu molto temuto ma che ha perso il potere e va verso la morte. Incontra un figlio che ricerca informazioni su suo padre. Anche il protagonista ricerca il padre e il senso della vita, che non sta nel potere terreno. Un film di Gianni Amelio con PierFrancesco Favino, Claudia Gerini, Renato Carpentieri.

Martedì 10 marzo ore 20.30
Figli- incontro con il regista Giuseppe Bonito
La fatica dei figli. Essere coppia, avere dei figli, scrivere tabelle con la divisione dei compiti, chi porta a scuola la grande, chi compra le medicine, sentirsi un padre supereroe per aver trascorso una serata a casa, da solo con i bambini, le chat whatsapp “dei genitori”. Un film di Giuseppe Bonito (l’ultimo scritto da Mattia Torre) con Valerio Mastrandrea, Paola Cortellesi, Paolo Calabresi.

Martedì 17 marzo ore 20.30
18 Regali – incontro con il regista Francesco Amato
L’amore di una madre. Elisa aveva solo quarant’anni quando un male incurabile l’ha tolta all’affetto del marito e della bambina di un anno. Elisa ha però trovato il modo di restarle accanto: un dono per ogni compleanno fino alla sua maggiore età. Una storia vera, scritta insieme al marito della signora morta nel 2017. Un film di Francesco Amato con Vittoria Puccini, Benedetta Porcaroli, Edoardo Leo.

Martedì 31 marzo ore 20.30
Bar Giuseppe – incontro con il regista Giulio Base
Diventare sposi. Giuseppe è proprietario di un bar e di una stazione di servizio. Rimasto vedovo, cerca qualcuno da assumere che lo aiuti. La scelta ricadrà su Bikira, giovanissima arrivata dall’Africa. I due si innamorano, e nonostante la ragazza riveli di essere incinta Giuseppe, dopo l’iniziale sconcerto, l’accoglie. Un film di Giulio Base con Ivano Marescotti, Virginia Diop, Selene Caramazza.

Fonte e foto Confcommercio

1 2 3 4 5 18