Archivio Categorie: Attualità

Dalla Germania al lago di Como per la festa di compleanno: denunciati

Coronavirus, dalla Germania al lago di Como per il compleanno: denunciati
La notizia arriva da Tgcom24. Una coppia di ragazzi sarebbe partita da Monaco di Baviera per Menaggio, sul lago di Como.
Bloccati dalla Guardia di finanza, i fidanzati, avrebbero riferito di essersi messi in viaggio per assistere la madre di lui, rimasta bloccata in Italia dopo i provvedimenti restrittivi per contrastare il coronavirus. In realtà volevano festeggiare il compleanno di lui nella residenza estiva. I due sono stati denunciati.
Foto dal web
auto finanza

Una colomba pasquale agli infermieri dei Centri Covid

Cpa - Ferrari3 Flavio
Una colomba pasquale agli infermieri dei Centri Covid. Iniziativa di Cancro Primo Aiuto per l’emergenza coronavirus. Inoltre, è in partenza dalla Cina un carico di dispositivi di protezione per medici e infermieri per gli ospedali brianzoli, mentre al San Gerardo di Monza è stata destinata una psicologa in più per i malati oncologici
L’Associazione Cancro Primo Aiuto ha deciso di donare una colomba pasquale a tutti gli infermieri dei Centri Covid delle strutture sanitarie lombarde con cui collabora da anni. Nei prossimi giorni verranno distribuite negli ospedali delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Milano, Monza e Brianza, Pavia, Sondrio e Varese. Saranno oltre 10.000 gli infermieri che la riceveranno.
“Premesso che anche i malati oncologici sono stati colpiti in vario modo dal Covid-19 e stiamo tenendo monitorata la situazione – ha dichiarato Flavio Ferrari, amministratore delegato di Cancro Primo Aiuto – ci siamo anche chiesti cosa potevamo fare di fronte a questa emergenza straordinaria. Molti dei nostri soci sono intervenuti anche con sostanziosi contributi economici in aiuto agli ospedali, per acquistare le strumentazioni necessarie; ma abbiamo pensato che fosse doveroso anche dare un riconoscimento, che è anche segno di ringraziamento e incoraggiamento, agli infermieri che instancabilmente stanno assistendo i molti pazienti affetti da coronavirus”.
Così si è deciso di donare a ciascuno degli infermieri dei Centri Covid una colomba pasquale. L’operazione è stata possibile grazie alla generosità del Gruppo Tigros e del suo amministratore delegato Mariaveronica Orrigoni, del gruppo Iperal e del suo presidente Antonio Tirelli, membro del Consiglio di amministrazione di Cancro Primo Aiuto, e alla sensibilità di Nicola Caloni, vicepresidente dell’associazione, titolare della Caloni Trasporti che si occuperà della distribuzione delle colombe negli ospedali.
Inoltre, burocrazia permettendo, nei prossimi giorni dovrebbe partire dalla Cina un carico di dispositivi di protezione per medici e infermieri che sarà destinato agli ospedali brianzoli.
Ma l’azione di Cancro Primo Aiuto si è concretizzata direttamente anche verso i malati oncologici per i quali l’avvento del coronavirus ha significato ulteriori preoccupazioni e paure. Da qui l’invio nei giorni scorsi di una psicologa all’Ospedale San Gerardo di Monza per affiancare i malati di cancro, per contenere il distress così da prevenire l’insorgenza di condizioni di disagio e malessere psicologico.

Coronavirus si passa da 19 positivi di ieri a 24 di oggi 8 aprile

I numeri parlano di una curva ferma ma la crescita, minima, c’è ancora. Dai nuovi 19 casi di positivi rilevati ieri 7 aprile, oggi (8 aprile) sono stati 24 con una minima crescita che racconta di come la fine sia ancora lontana. Si vede una luce in fondo al tunnel.
Nel fine settimana con il week-end di Pasqua e Pasquetta il rischio è che i numeri tornino a crescere visto che non sarà facile tenere la gente in casa.
Sono complessivamente 1.755 i positivi in provincia di Lecco.
Coronavirus 8 aprile

Coronavirus: ecco i numeri di Civate

Oggi, 31 marzo, il sindaco di Civate Angelo Isella ha comunicato gli aggiornamenti ricevuti in merito all’emergenza Coronavirus:
– 19 casi di positività al test da Covid-19 sul territorio di Civate;
– 3 deceduti;
– 6 persone guarite o dimesse dall’ospedale
10 persone stanno ricevendo assistenza medica in ospedale o a casa.
Il numero delle persone in quarantena è sceso da 34 a 30.
Il Sindaco invita nuovamente la cittadinanza al rispetto delle regole, per tutelare se stessi e proteggere gli altri.
Per limitare il contagio è fondamentale RESTARE A CASA, uscendo SOLO per motivi di comprovata necessità.
Comune Civate

Buoni spesa: al via la creazione di un elenco di esercizi commerciali

logo_comune_lecco_bassadef-500x471
Al via la creazione di un elenco di esercizi commerciali in cui utilizzare i buoni spesa che saranno distribuiti dal Comune di Lecco alle persone in difficoltà per acquistare generi alimentari e prodotti di prima necessità ai sensi dell’Ordinanza del Dipartimento della Protezione Civile n. 658 di oggi, lunedì 29 marzo 2020.
L’amministrazione comunale ha già inviato una lettera alle rappresentative territoriali delle associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti, oltre che alle farmacie e alle parafarmacie cittadine, per agevolare la diffusione del messaggio che si rivolge tuttavia a tutti gli esercizi commerciali che vendono prodotti alimentari e beni di prima necessità.
Per entrare a far parte dell’elenco che sarà creato e pubblicato sul sito del Comune di Lecco è necessario inviare, entro le ore 14 di giovedì 2 aprile, la propria adesione scrivendo all’indirizzo di posta elettronica sportellounico@comune.lecco.it e indicando la denominazione dell’attività commerciale, il suo indirizzo, l’indirizzo di posta elettronica a cui fare riferimento, il numero di telefono, le eventuali sedi operative disponibili e gli orari di apertura al pubblico.
“Il provvedimento adottato oggi dal Dipartimento di Protezione Civile appartiene alla sfera di quelle attenzioni necessarie soprattutto nei confronti delle fasce più deboli della nostra comunità – commenta il vicesindaco di Lecco con delega allo sviluppo economico Francesca Bonacina. Abbiamo immediatamente recepito le disposizioni emanato quest’oggi e chiediamo a tutti gli esercenti che volessero aderire di inviarci la loro disponibilità entro giovedì prossimo.
Sottolineo che i costi dei buoni spesa restano interamente a carico dei fondi stanziati a questo fine del Dipartimento”.

Attenzione a come indossare e togliere la mascherina

mascherine
È importante seguire alcune regole per indossare, rimuovere e smaltire in modo corretto una mascherina, altrimenti questo dispositivo, usato per ridurre il rischio di contagio, invece di proteggerci può diventare una fonte di infezione a causa dei germi che potrebbero depositarsi sopra.
1. prima di indossare la mascherina, lavati le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica;
2. copri bocca e naso con la mascherina assicurandoti che aderisca bene al volto;
3. evita di toccare la mascherina mentre la indossi, se la tocchi, lavati le mani;
4. quando diventa umida, sostituiscila con una nuova e non riutilizzarla; infatti sono maschere mono-uso;
5. togli la mascherina prendendola dall’elastico e non toccare la parte anteriore della mascherina; gettala immediatamente in un sacchetto chiuso (frazione indifferenziata) e lavati le mani.
Fonte: Ministero della Salute

Coronavirus: attenzione alla truffa

fake-news coronavirus
“Via dalle case non di residenza”: è questo quanto scritto sui volantini appesi in alcuni palazzi di diverse città italiane. Il falso volantino invita i non residenti a lasciare le abitazioni in cui si trovano e riporta l’obbligo di presentare la documentazione di affitto in caso di controlli all’interno degli stabili.
La Polizia di Stato avverte che si tratta di una truffa: “In alcune province italiane sono stati sequestrati falsi volantini scritti su carta intestata Ministero dell’Interno-Dipartimento della Pubblica sicurezza, con logo della Repubblica Italiana. Contengono informazioni false e ingannevoli – spiegano le Forze dell’ordine – Se li trovate, non tenete conto delle indicazioni contenute e segnalateli alle Forze di polizia”.
Il nostro invito è quello di fare molta attenzione in quanto i volantini sarebbero esposti con lo scopo di lasciare via libera ai ladri.

Coronavirus: il 29 marzo altri 65 positivi

Diminuiscono i positivi in provincia di Lecco passando dai 106 di ieri ai 65 di oggi domenica 29 marzo, ma per parlare di decremento dei casi è troppo presto.
Con i 65 nuovi casi si arriva ad un totale di 1381 in tutta la provincia di Lecco, nella giornata di oggi sono stati 7 nuovi casi a Lecco città per un totale di 210 complessivi.
Tabelle Regione Lombardia
coronavirus 29 marzo

1 2 3 20