Archivio Categorie: Politica

Cordoglio a Rogeno per la scomparsa dell’assessore Ratti

Ambrogio Ratti
Cordoglio a Rogeno per la scomparsa di Ambrogio “Nani” Ratti, 73 anni, assessore ai tributi, al bilancio, ai regolamenti e alla cultura del Comune.
Laureato in economia e commercio ha ricoperto la carica di segretario comunale in diversi Comuni del territorio lecchese ed erbese, fino al 2010, anno della pensione.
L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Martone, ha espresso tutto il suo ringraziamento ad Ambrogio Ratti, con un messaggio
“Caro Ambrogio grazie!!
La tua esperienza e’ stata molto importante per affrontare tante iniziative. Il tuo conoscere bene la complessa Pubblica Amministrazione ci ha permesso di risolvere numerose situazioni. Grazie per tutto quello che hai fatto per Rogeno, per tutti i cittadini, gli anziani, i ragazzi, per aver messo gli altri al primo posto.
Noi che ti abbiamo conosciuto in questi ultimi anni ti ricorderemo sempre con il tuo sorriso e con la tua grande voglia di fare e concretamente affrontare e risolvere i problemi, con buonsenso, tenacia, concretezza e competenza.
Ricordiamo anche il tuo impegno sportivo negli anni 60/70, la tua gioventù a Casletto con la nascita della Pro-Loco,della Polisportiva e i Giochi della gioventù.
Il nostro impegno sarà quello di continuare a perseguire quegli obiettivi che avevi a cuore e a cui ti sei dedicato fino all’ultimo.
Ciao Ambrogio, buon viaggio”

Rimpasto di giunta in Comune a Lecco

chagal mantovaCon il decreto sindacale lunedì 8 ottobre, il Sindaco Virginio Brivio ha definito i nuovi assessori a seguito del rimpasto di giunta.
Nuovi assessori sono: Roberto Nigriello, Lorenzo Goretti, Clara Fusi e Alessio Dossi. La delega alle risorse umane viene affidata al Sindaco, che lascia la promozione sportiva al neo nominato assessore Nigriello, al quale viene attribuita anche la partecipazione e la nuova delega ai rapporti coi quartieri. Lorenzo Goretti sostituisce Anna Mazzoleni e alle sue deleghe aggiunge innovazione tecnologica e smart city. Clara Fusi prende il posto di Salvatore Rizzolino e Alessio Dossi sostituisce Ezio Venturini. La delega alla comunicazione passa dal Vicesindaco all’assessore Simona Piazza.
“Esprimo un ringraziamento sincero agli assessori uscenti, per gli obiettivi raggiunti in maniera diversa sui rispettivi fronti – tiene a sottolineare il Sindaco. Ora servono tuttavia, così come accade nelle fasi finali di tutte le competizioni sportive, nuova forza e nuovo slancio, competenze nuove che provengano anche da ambiti differenti come quello dell’imprenditoria e dell’associazionismo, nonchè risorse interne al Consiglio comunale e una nuova distribuzione delle deleghe che consenta di lavorare in maniera ancor più efficace. Un buon lavoro a tutti i nuovi assessori”.
Foto del sindaco Virginio Brivio dalla sua pagina Fb

Domenica 4 marzo si vota per il Parlamento e la Regione

Domenica 4 marzo gli elettori sono chiamati alle urne per scegliere i componenti del nuovo Parlamento.
Si vota dalle 7 alle 23 negli appositi seggi, per lo più nelle scuole, e lo spoglio inizierà subito dopo la chiusura delle urne.
In Lombardia vi vota anche per il Consiglio Regionale.
Con il Rosatellum il sistema di elezione di Camera e Senato è misto, ossia in parte maggioritario uninominale e in parte proporzionale. Il voto disgiunto non è più possibile.
La scheda per le elezioni alla Camera sarà rosa mentre la scheda per il voto al Senato sarà gialla.
Sulla scheda elettorale per il Senato sarà scritto il nome e cognome del candidato nel collegio uninominale e il simbolo o i simboli delle liste ad esso collegate nel collegio plurinominale. A lato di ciascuna lista saranno presenti nomi e cognomi dei candidati nella quota plurinominale. Con la nuova legge elettorale Rosatellum non è prevista la possibilità di apporre preferenze.
L’elettore potrà:
1) tracciare un segno solo sul rettangolo che contiene il simbolo di una lista nel collegio plurinominale: così il voto andrà sia a quella lista, sia al candidato nel collegio uninominale ad essa collegato.
2) tracciare un segno solo sul nome del candidato nel collegio uninominale: così il voto andrà sia al candidato nel collegio uninominale, sia alla lista ad esso collegata. Se ci sono più liste collegate in coalizione, il voto sarà ripartito tra le liste della coalizione in proporzione ai voti ottenuti da ciascuna lista in tutte le sezioni del collegio.
3) tracciare un segno sia sul nome del candidato nel collegio uninominale, sia sul simbolo di una delle liste nel collegio plurinominale ad esso collegate: così il voto andrà sia al candidato uninominale sia alla lista.
elezioni
In Lombardia si vota anche per rinnovare il Consiglio Regionale. Il sistema elettorale prevede l’elezione diretta del presidente della Regione per cui sarà nominato il candidato presidente più votato. L’elezione dei Consiglieri invece segue un meccanismo proporzionale con premio di maggioranza.
La scheda per le elezioni regionali è di colore verde.
L’elettore potrà:
1) tracciare un segno sul nome del candidato presidente;
2) tracciare un segno su una delle liste: così il voto va al candidato presidente collegato a quella lista;
3) tracciare un segno sia sul simbolo o sul nome del candidato presidente sia su una delle liste a lui collegate;
4) tracciare un segno sul simbolo o sul nome del candidato presidente e un altro segno su una lista a lui non collegate. In questo caso è consentito il voto disgiunto.
L’elettore potrà anche indicare, scrivendoli a destra del simbolo, due nomi tra i candidati dalla lista scelta. In questo occorre fare attenzione: i due candidati devono essere di sesso diverso. In caso contrario è previsto l’annullamento della seconda preferenza.
Fonte e Foto Internet

Bosisio: cordoglio per la scomparsa di Franco Rigamonti

franco rigamontiCordoglio a Bosisio per la scomparsa di Franco Rigamonti. Le esequie si sono tenute nel pomeriggio del 24 novembre.
Persona molto nota in paese, Franco Rigamonti, era consigliere comunale, aveva 69 anni, ed era stato assessore alla cultura e tra i fondatori della biblioteca Parini, oltre che volontario a “La Nostra Famiglia”.
Era entrato in consiglio comunale ventidue anni fa, e dopo un decennio aveva lasciato per poi tornare nel 2009, con “Progetto Bosisio” a sostegno del sindaco Giuseppe Borgonovo, diventando assessore alla cultura, negli ultimi anni aveva preferito lasciare andare avanti i giovani, restando consigliere comunale.
Aveva lavorato alla stamperia Brenna di Bosisio, e poi alla Ome di Erba.
Dal 1999 era volontario instancabile della biblioteca, ed era stato lui a seguire passo dopo passo il trasloco nel nuovo centro studi pariniani in via Appiani.
Purtroppo qualche mese fa una grave malattia lo aveva colpito, ma nonostante i problemi di salute aveva continuato, quando le forze glielo permettevano, ad essere presente in biblioteca e a darsi da fare in consiglio comunale.
Foto dalla pagina Fb della Biblioteca Parini

Adesioni elevate al 63° Convegno di Studi Amministrativi

Adesioni elevate al 63° Convegno di Studi Amministrativi, in programma da giovedì 21 a sabato 23 settembre a Villa Monastero di Varenna.
L’edizione di quest’anno avrà come tema La tutela degli interessi finanziari della collettività nel quadro della contabilità pubblica: principi, strumenti, limiti. La direzione scientifica è affidata a un Comitato di coordinamento della Corte dei conti. Il progetto e la direzione organizzativa sono del professor Amedeo Bianchi, già Segretario Generale e Direttore Generale della Provincia di Lecco.
Il 63° Convegno di Studi Amministrativi è organizzato dalla Provincia di Lecco e dalla Corte dei conti, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il contributo e il patrocinio di Regione Lombardia, Unione Province Italiane e Lombarde, Comunità Montana Valsassina, Comune di Lecco, Camera di Commercio di Lecco e Fondazione Cariplo.
Il Convegno si aprirà con i saluti delle autorità: il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano, il Sindaco del Comune di Varenna Mauro Manzoni, il Prefetto di Lecco Liliana Baccari e il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.
Nel corso delle tre giornate sono previsti gli interventi del Ministro per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro e del Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti.
Dopo l’introduzione del Presidente della Corte dei conti Arturo Martucci di Scarfizzi, seguiranno, tra gli altri, gli interventi del Presidente della Corte Costituzionale Paolo Grossi, del Presidente della Corte europea dei Diritti dell’Uomo Guido Raimondi, del Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini, del Presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno, dell’Avvocato generale dello Stato Massimo Massella Ducci Teri, del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, del Presidente aggiunto del Consiglio di Stato già Ministro della Pubblica Amministrazione Filippo Patroni Griffi.
“Il 2017 – sottolinea il Presidente della Corte dei conti Arturo Martucci di Scarfizzi – vede la Corte dei conti promotrice del 63° Convegno di Studi Amministrativi, centrato sulla connessione tra tutelabilità degli interessi finanziari della collettività e disciplina giuscontabile, con una riflessione sulle funzioni intestate alla Corte e le posizioni di cui è portatrice la collettività nazionale nelle sue molteplici espressioni. La Corte, quale Istituzione indipendente, è infatti garante della sana gestione delle pubbliche risorse, assicurando nel contempo che i cittadini possano fruire dei servizi pubblici. Il Convegno vedrà intervenire eminenti esponenti delle istituzioni, illustri relatori del modo dell’accademia, delle magistrature, dell’Alta amministrazione e della Corte dei conti. Dal loro fertile contributo potranno trarre ispirazione studiosi e operatori del diritto per inquadramenti dottrinali e applicazioni giurisprudenziali”.

“Da oltre 60 anni – commenta il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano – il Convegno di Studi Amministrativi rappresenta un’occasione di approfondimento su tematiche di grande importanza: per tre giorni Villa Monastero e la Provincia di Lecco avranno l’onore di ospitare relatori di grande caratura, che dibatteranno su temi quanto mai attuali. Il Convegno ha l’ambizione di far emergere spunti di riflessione e di confronto utili per il miglioramento e la riforma della Pubblica Amministrazione”.

“Il Convegno di Studi Amministrativi – aggiunge il Direttore organizzativo Amedeo Bianchi – rappresenta un appuntamento tradizionale, la cui eco ha una notevole risonanza a livello nazionale, non solo tra gli addetti ai lavori e gli studiosi del diritto. Sin dal 1955 il Convegno è un’occasione di incontro e confronto tra personalità del mondo giuridico, economico ed istituzionale, anche quest’anno personalità di eccellente competenza dibatteranno su un tema importante, con ricadute positive sul rapporto tra i cittadini e la Pubblica Amministrazione”.

Il Convegno è accreditato dagli Ordini degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti di Lecco.
Per iscrizioni: compilare il modulo on line disponibile su www.villamonastero.eu e www.provincia.lecco.it.
Per informazioni: 0341-295450/308, villa.monastero@provincia.lecco.it.ù
villa monastero

Minori non accompagnati, è possibile candidarsi come tutor

Minori non accompagnati, da oggi è possibile candidarsi come tutor.
Milano, 19 luglio 2017 – E’ stato pubblicato oggi sul Bollettino ufficiale di Regione Lombardia (Burl) l’Avviso aperto ad evidenza pubblica per la selezione, la formazione e l’iscrizione negli elenchi dei tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati della Lombardia come previsto dalla legge del 7 aprile 2017.
La procedura è finalizzata al reclutamento di volontari che si candidano a esercitare gratuitamente la responsabilità genitoriale per i minori già presenti o in ingresso sul territorio nazionale. Si tratta, come specificato nel bando, di cittadini che dovranno non solo farsi carico della rappresentanza giuridica ma promuovere anche una sorta di “genitorialità sociale” e di cittadinanza attiva, vigilare sul benessere psico-fisico del tutelato, amministrare l’eventuale patrimonio, seguire percorsi formativi, scolastici ma anche di ricongiungimento famigliare dei minori non accompagnati.
Possono candidarsi (non è fissato un termine per la presentazione delle domande) i cittadini che abbiamo compiuto il 25° anno di età. I candidati dovranno sostenere un colloquio di idoneità.
“Da oggi inizieremo concretamente a confrontarci con i numeri, per sapere come risponderanno i lombardi a questa importante sollecitazione – spiega il Garante regionale per l’Infanzia, Massimo Pagani, che è ufficialmente incaricato del coordinamento e dell’attuazione delle procedure – In prima battuta possiamo stimare che servano almeno mille volontari, ma questa sarà l’occasione per avere una geografia precisa e definitiva del fenomeno sul territorio lombardo. Tra le maggiori criticità c’è sicuramente la previsione delle risorse da parte del Governo: già oggi mancano i fondi per sostenere adeguatamente la formazione dei tutori, ma soprattutto la legge non ha stimato i costi dell’organizzazione e della gestione di questa macchina che coinvolge Regione, Garante, Tribunali ordinari e Tribunali dei minori”.

Bosisio: convocato per il 14 giugno il consiglio comunale

Il consiglio comunale è convocato per il 14 giugno alle 21 presso la Sala Consiliare.
Ordine del giorno:
1.saluto e ringraziamento a docenti e personale scolastico che lasceranno la propria attività il prossimo mese di settembre
2.approvazione verbali seduta precedente
3.approvazione modifiche allo statuto di Lario Reti Holding S.p.A. ai sensi del D.Lgs. 175/2016

1 2 3 6