Archivio Categorie: Cultura

“Lario, Principe ereditario!” segnalato nel nostro concorso “Tra terra e acqua”

libri

Iniziamo la pubblicazione dei racconti che si sono distinti nel nostro concorso “Tra terra e acqua”, che ha ottenuto un ottimo seguito.

“Lario, Principe ereditario!” di Antonella Bolis, ha avuto la segnalazione della giuria, in quanto ben scritto, inoltre ha colto nel pieno il tema dell’iniziativa. Facciamo i complimenti all’autrice.

C’era una volta un Principe Azzurro di nome Lario.
I suoi genitori, re Como e regina Lecco, lo avevano cresciuto con tanto amore.
Un giorno egli avrebbe ereditato vasti possedimenti di terreni coltivati a cereali e frutta, prati dove il bestiame pascolava alla ricerca dell’erba più tenera, vallate in cui i cavalli scorrazzavano liberi, inoltre, zone montane vestite da fitti boschi e castelli che austeri dominavano lo scenario tra rocciosi pendii.
Quando compì la maggior età, i genitori commossi consegnarono nelle mani del giovane un fagottino di pelle contenente un preziosissimo anello di fidanzamento tramandato da generazione in generazione. A corte diedero una gran festa in suo onore invitando aristocratiche fanciulle delle più nobili famiglie, tutte se lo contendevano per un ballo e con battiti di ciglia su occhi dolci, si prostravano in inchini che gonfiavano le molteplici gonne di seta colorata.
Le possibili promesse spose apparivano molto graziose, per lo più tutte tranne una davvero bruttina non più giovanissima che nonostante il titolo nobiliare non era ancora riuscita a prender marito! Il vecchio padre di costei era morto, la madre stava dilapidando le ricchezze in carissimi filtri magici preparati durante le lezioni di stregoneria e, siccome non funzionavano mai, andava anche a ripetizione dalla più costosa delle fattucchiere che, consultata la sfera magica, la rincuorava predicendole un futuro da perfetta strega.
Quella sera vedendo che il Principe non invitò la sua figliola nemmeno per un ballo, arcigna e indispettita per l’ennesimo fiasco, diede sfogo alla collera e si vendicò mettendo in atto le sue incerte magie. Quando il ricevimento stava per concludersi, informò che si sarebbero accomiatate. Furtivamente si versò sul dorso della mano alcune gocce di un intruglio ancora in fase sperimentale, poi si diresse verso il giovane Lario che in un’elegante riverenza si prodigò in un baciamano.
Non appena le labbra assorbirono la pozione, il povero Principe cominciò a trasformarsi in acqua acqua e acqua, gli ospiti e le belle damigelle vennero spazzati via dalla furia del subisso che allagò tutte le terre circostanti.
Il mattino seguente, l’alluvione si era calmata ed era nato un nuovo lago, ben appunto il Lario, e dello sprovveduto Principe non rimase che il suo nome, la sua bellezza e il colore dei suoi occhi. Gli sventurati genitori furono trasformati in villaggi e l’anello che il principe doveva offrire alla dama di cui si sarebbe innamorato, si tramutò nell’ isola Comacina.
Della strega e della figlia non si seppe più nulla.
Il Lario era incastonato nelle Prealpi, sulle rive ghiaiose si affaccendavano pescatori che sbarcavano il lunario prendendo alborelle, pesci persici e agoni che poi venivano essiccati al sole. Intorno a lui il paesaggio acquistò un’originalità fantastica e col passare dei secoli divenne una meta turistica sempre più ambita da diverse popolazioni: mise ogni sua bellezza a disposizione dell’uomo che, oltre a chiese case e industrie, costruì magnifiche ville le cui fondamenta parevano immerse proprio nelle azzurre acque. Essendo molto ospitale, offrì splendidi soggiorni a personaggi famosi in tutto il mondo come Alessandro Manzoni, Stendhal, Leonardo Da Vinci, i poeti Foscolo e Fogazzaro, i musicisti Verdi, Rossini, Listz e Bellini; Napoleone, il primo ministro inglese Winston Churchill e il presidente Kennedy.
Lario brillava al sole e si rabbuiava in prossimità di un temporale, ma quando gli amici Breva e Tivano gli facevano i grattini, increspava le onde muovendosi tutto e gli amanti della vela lo adoravano. Anche lui era sportivo e aveva partecipato alle “Olimpiadi Laghi Italiani” piazzandosi 1° nel perimetro e 3° come grandezza.
Talvolta, quando si sentiva solo, guardava verso i piccoli paesi montani e fantasticava di poter tornare ad essere un ragazzo, sognava il suo castello e pensava ai suoi sudditi che ora non c’erano più; quando invece la malinconia gli pungeva il cuore, allora straripava e si spingeva fino in piazza Duomo a Como o sul lungolago di Lecco per abbracciare i genitori che da borgate erano cresciuti diventando moderne cittadine. Lario si era sempre adoperato per tutti regalando appunto bellezza, disponibilità, ospitalità e generosità ma a poco a poco le genti dimenticarono tutto questo incominciando a non rispettarlo più, qualsiasi cosa non servisse veniva gettata sulle rive e nelle acque di cristallo.
Un bel giorno l’amico fiume Adda, suo immissario ed emissario, gli disse con voce molto triste che le folaghe, gli svassi, le anatre e i cigni avevano progettato di andarsene dai loro nidi perché tra i canneti galleggiavano polistirolo, bottiglie di plastica e quant’altro. Il vecchio corso aveva cercato di dissuaderli rispondendo che nemmeno lui respirava bene ma non per questo aveva intenzione di andare altrove! Lario condivise appieno le lamentele dell’amico informandolo che nei fondali e sulle sue rive c’era molto di più…
Oramai l’uomo sottoponeva l’acqua e la terra ai suoi voleri senza considerarli come beni preziosi. Nella bella stagione gli umani passavano ore deliziose sulle spiagge tra tuffi, bagni di sole e sonnellini ristoratori all’ombra di qualche salice. A fine giornata però nessuno si prendeva la briga di portare a casa i propri rifiuti e smistarli nei vari sacchi della raccolta differenziata. Lario se ne stava silenzioso, senza difese ingoiava tutto quanto nella speranza che prima o poi qualcosa sarebbe cambiato.
Un bel giorno Priscilla e il nonno si trovarono a passeggiare sotto l’intreccio formato da rami dei platani che costeggiano il lungolago. Attratti dai richiami quasi prepotenti dei bellissimi cigni, scesero i gradoni e notarono con desolazione che le piccole creste d’acqua, schiumavano a riva dondolando avanti e indietro, barattoli di detersivi e sulle sponde fiorivano rifiuti d’ogni genere. Poco distante una folaga si lisciava le piume del petto e appollaiata nel suo nido tra le canne, li osservava insospettita. La bambina e il nonno si guardarono attorno imbarazzati e pieni di vergogna perché il genere umano aveva danneggiato e imbruttito un ambiente da fiaba.
Lario era un Principe Azzurro e tale doveva rimanere, così, nonno e bambina accompagnati da alcuni amici, tornarono muniti di guanti e sacchetti. Il passaparola arrivò a tutta la popolazione che si impegnò a non buttare lattine, cannucce, pile, vetri taglienti e mozziconi di sigaretta. I bambini divennero sostenitori impareggiabili del mondo ecologico ricordandosi di portare sempre appresso un sacchetto dove riporre l’eventuale immondizia, ad esempio: la gomma da masticare, il fazzolettino di carta, il vasetto dello yogurt o la confezione delle merendine.
Lo slogan che intonarono con grande entusiasmo fu: “Dico basta ai rifiuti tra i miei fiduciosi flutti!” dando voce al Principe dei laghi che visse, con l’inseparabile amico Adda, per sempre felice e contento.

Antonella Bolis

“Tra terra e acqua” il 19 settembre pubblichiamo i racconti scelti

Un successo oltre le attese, con più di quaranta partecipanti il nostro concorso letterario “Tra terra e acqua” ha raccolto tanti consensi.
Nella tarda mattinata di mercoledì 19 settembre pubblicheremo i tre racconti che hanno raccolto maggiori consensi dalla giuria.
I tre racconti verranno poi pubblicati sulla prossima uscita cartacea del nostro periodico “La Nuova Briantea”.
Un grazie va a tutti i partecipanti che hanno inviato opere di qualità.
cascata

A Costa Masnaga il 18 settembre il gruppo di lettura

Il gruppo di lettura della biblioteca di Costa Masnaga, si ritroveràmartedì 18 settembre alle 20.45, per approfondire il libro “La macchia umana”, romanzo di Philip Roth
libro
TRAMA
Coleman Silk è un professore di lettere antiche stimato e rispettato. E’ stato persino preside. La sua carriera di colpo s’interrompe il giorno in cui, per indicare due studenti che non si presentano mai a lezione, usa la parola spooks (spettri), desueto termine spregiativo riferito alle persone di colore. Quel che Coleman non sa è che i due studenti sono appunto dei neri. Costretto a dimettersi per evitare un processo pubblico, il professore vede la sua vita andare lentamente ma inesorabilmente a rotoli. Si lega a una giovane inserviente del college all’apparenza analfabeta, e per questo riceve lettere anonime che lo accusano di abusare sessualmente di una donna in difficoltà. Ma Coleman ha anche un terribile segreto.

A Civate il 28 e 29 luglio la festa dell’Avis

A Civate il 28 e 29 luglio la festa dell’Avis
Civate avis
SABATO 28 e DOMENICA 29 LUGLIO presso la zona lago ad Isella – Civate, l’Avis di Valmadrera e la sezione di Civate festeggiano il proprio 53° anniversario di fondazione e 45° anniversario di costituzione del gruppo di Civate con una due giorni di festa dedicata a grandi e bambini.
Il week-end, organizzato in collaborazione con l’associazione Sant’Andrea di Civate e con il Patrocinio dei Comuni di Civate e Valmadrera, prevede diverse iniziative.

Ecco il programma:
Sabato 28 Luglio
– dalle ore 18 servizio cucina, area bimbi con gonfiabili;
– alle ore 21.30 “La vita dentro i margini” – Concerto Live di Arturo Fracassa.
Con la partecipazione straordinaria di StendhArt danza & teatro e dell’attore Alberto Bonacina.

Domenica 29 Luglio
– dalle 9 alle 19 area bimbi con gonfiabili, visite guidate a San Pietro, giro in pony, noleggio e tour guidato in bicicletta;
– dalle ore 11.30 servizio cucina
– ore 21.30 Concerto Live tour dei CANI SCIOLTI

In caso di maltempo entrambe le date verranno rinviate all’ 8 e 9 settembre.

Boom di iscritti al nostro concorso di narrativa

Un successo oltre le attese, con quarantacinque partecipanti, provenienti da tutta Italia e dall’estero, si è chiusa la prima edizione del concorso “Tra terra e acqua” organizzato dal nostro blog La Nuova Briantea.
Nelle prossime settimane la giuria inizierà la lettura dei racconti e a settembre arriverà la valutazione.
cascata

Il 15 giugno alla biblioteca di Rogeno la serata con Marco Erba

quando mi riconoscerai
Presentazione del libro “Quando mi riconoscerai”
Venerdì 15 giugno ore 21
cortile della biblioteca – piazza Vittorio Emanuele II
La biblioteca invita alla presentazione del nuovo romanzo di Marco Erba, Quando mi riconoscerai. Una piacevole serata alla scoperta dei ragazzi di ieri e oggi arricchita dai divertentissimi aneddoti raccontati dal professor Erba riguardanti i suoi ex alunni. Si tratta di un ritorno molto gradito: la nostra biblioteca lo ha ospitato nel 2016 per presentare il suo romanzo di esordio Fra me e te.
Era lì che l’aveva capito.
Aveva capito che la felicità e il dolore possono stare insieme.
Che la vita non è mai dietro, è sempre davanti. Sempre.
Dicono che i gemelli siano uguali come gocce d’acqua, e Rodolfo e Italo non fanno eccezione, eppure, sotto la superficie, i due fratelli sono molto diversi, ma anche uniti da un filo invisibile forte come l’acciaio.
Viola è la ragazza più bella del paese, e coi gemelli non ha molto a che spartire, perché lei è la figlia di Giorgio Fontana, il capo dei fascisti, e i fascisti Rodolfo li odia. Ma la Seconda guerra mondiale incombe, pronta a travolgere i loro destini.
Quasi cinquant’anni dopo, nello stesso paese, Enea e Camilla si incontrano in prima elementare. Enea è composto, educato, sa già leggere, ma il mondo gli fa un po’ paura. Camilla è invece tutta sguardi taglienti e sfacciataggine. Strega, la chiamano alcuni, senza immaginare le ferite nascoste dietro ai suoi silenzi.
Saltando avanti e indietro nel tempo, Marco Erba nel suo secondo romanzo racconta una storia di violenza, amicizia, amore e perdono. Una storia sui dolori che la vita impone e la forza di ricominciare, che condanna ogni forma di fascismo e di oppressione, ieri come oggi, ma non dimentica che le persone, con la loro unicità, non sono mai solo le idee che professano.
In caso di mal tempo la presentazione si terrà presso l’oratorio Pio XI in via Ratti.
Al termine dell’incontro sarà offerto un rinfresco ai partecipanti.

Ascensori: il racconto di Emanuele Tavola da leggere tutto d’un fiato

Manu e Laika
Ascensori
“Buongiorno a tutti voi! Siete in diretta con la MD television, televisione MIO DIO per i pochi
che ancora non ci conoscono. Trasmettiamo dal felice borgo di Quatercá Incrus, borgo che forse
felice lo era…”
Il biondo occhialuto, capelli a tempesta, inviato speciale di lunga data, fece andare le mani a
taglio davanti alla telecamera, come a dire che erano cazzi amari “… ora non più! Seguitemi!
Qualcosa di misterioso e diabolico sta avvenendo in questo paese!”
La telecamera lo seguì, allargando la visuale, inquadrando palazzine anonime irrise dal sole e
dal destino.
Un capannello di persone, perlopiù anziane, stazionavano nei pressi di una di queste.
Un uomo coi baffoni alla Stalin e l’occhio triste, di scuro vestito, si fece incontro lemme lemme
all’inviato della tv.
“Buongiorno signor sindaco! Esatto? È lei?”
“Bah…sì” rispose cheto l’altro, testa infossata fra le spalle “Mariagiacomo Mangiadiacono…”
“Oh, che nome altisonante… quale onore…”fece un plateale inchino l’inviato della tv “Ci
racconta brevemente signor sindaco cosa sta accadendo nella qui presente ridente comunità? ”
Il sindaco annuì, facendo ondeggiare i baffoni. “Bah, certo…” cominciò, lasciandosi attorniare
dai suoi concittadini, che buttavano l’occhio verso il monitor per capire se fossero inquadrati o
meno “Da qualche giorno, per cause ancora tutte da stabilire, gli ascensori vanno solo in
discesa, e non risalgono più…”
“Ma come, come? “lo incalzò il giornalista “Non ci posso credere! Si spieghi, non ci lasci in
ansia!”
“Bah, è così…” allargò le braccia il sindaco “Partono dai piani alti e vengono giù, e va tutto
bene…”
“Bene. E allora?”
“Bah, quando toccano terra, non c’è modo di farli ripartire verso l’alto…”
“Incredibile…” enfatizzò all’estremo quella parola l’inviato “Davvero incredibile! Tutti gli
ascensori di Quatercá Incrus fanno così? ”
“Bah, sì, che io sappia… ”
“Avete sicuramente allertato i tecnici, i maghi delle cabine a fune, gli specialisti
ascensionisti…”
“Bah, sì, ci han guardato, han rovistato, oliato e registrato, ma chissà…”
Si fece largo un omone tra la folla, in tuta blu: “Se posso, gentil signori…” levò un dito “Mi
sento chiamato in causa…”
L’inviato della tv si girò verso di lui. “Ma benvenuto! Certo, signor…?”
“Ulderico Labrugola, tecnico ascensori e montacarichi”
“Bene, signor Labrugola! Cosa sta succedendo in questa amena località? Ci dà lumi?”
L’omone ci pensò un momento, poi sbuffò. “In quarant’anni di onorata attività, mai vista una
cosa del genere…”
“Si spieghi, si spieghi! I telespettatori non stanno più nei pantaloni per il pathos!”
Il tecnico si sporse verso il microfono, cercando al contempo di tener dentro la pancia,
respirando piano. Levò un sopracciglio: “Abbiamo controllato tutto, persino le viti e le cicche
incollate sul pavimento della cabina. Un gioiello della perfezione, non una virgola da eccepire.
Tiriamo su l’ascensore fino al settimo piano, e va su liscia come l’olio, quindi carichiamo la
gente del palazzo, felice. Scendiamo che è un piacere, tutti ad applaudire, pacche sulle spalle.
Poi, riproviamo ad andar su, e qui casca l’asino…”
“Non va?”
“Non va, e per la barba di Garibaldi se abbiamo capito il perché…”
“E la gente?” lo stuzzicò l’altro.
“S’incazzano di brutto, e hanno anche ragione…” spiegò affranto il tecnico, collo allungato
verso il microfono “Per evitare risse e degenerazioni verbali, li abbiamo riportati tutti su a
spalla…”
“Quindi?”
“Quindi, altri controlli, smonta di qui, rimonta di là, e tutto pare a posto…”
“Ancora su al settimo a mano?”
“Esatto. E tutto per nulla, tanto la cabina poi non è più risalita…”
“Ma pensa un po’ che storia … ” fece sua la telecamera l’inviato, sorridendo in primo piano “E ci
scommetto che pure tutti gli altri ascensori fanno cosi. Qua il mistero si fa fitto…” socchiuse gli
occhi e accartocciò la bocca “Ma sentiamo un altro parere…” si voltò, facendo ampi cenni a
qualcuno di farsi avanti “Prego, Don Palmiro…”
Un omettino vestito di nero, con due occhi altrettanto neri e un po’ spiritati, uscì dalla folla e si
fece appresso al microfono.
“Buon giorno a tutti…” levò una mano e fece il segno della croce in direzione dei concittadini
“Iddio scenda nei vostri cuori”
“Grazie, don Palmiro. Le siamo grati. Cosa ne pensa di questa faccenda degli ascensori? C’è lo
zampino di quello col forcone?”
Il parroco fece un sorriso di circostanza. “Non è escluso, mi creda, ma sono anche convinto che
questa discesa verso il basso non sia altro che una metafora della morale attuale…”
“Udite udite…” fece il biondo della tv “Si sta preparando una nuova apocalisse? Un diluvio
universale? Pioggia acida o di cavallette?”
Il prete sorrise di nuovo. “Nulla è escluso, di questi tempi…”
“Quali tempi?”
“Tempi di degrado, di amoralità, di Dio denaro e null’altro. Ecco il motivo di questa eterna
discesa, e mai risalita. Così van le cose. L’ascensore scende perfettamente, ma non risale più,
riproducendo esattamente il degrado dei tempi…”
“Ma scusi…” lo interruppe il biondo della tv “Allora, secondo lei, cosa dovremmo fare… anzi,
cosa dovreste fare qua a Quatercá Incrus per risolvere il problema? ”
“Semplice. Digiuno, astinenza, separazione dai beni di questo mondo, preghiera. Ecco, i quattro
fari che ci porteranno fuori dell’oscurità e che ci faranno risalire verso l’alto, verso la luce, verso
Iddio onnipotente che tutto può e tutto fa”
“La ricetta è semplice, ma funzionerà? ”
“Certamente. Basta aver fede…”
“Ah, già…”
“Sicuro che non è facile, tutti avvinti nel proprio egoismo, come una vite filettata senza inizio
né fine ” proseguì “Ma perdio, diamo una svolta alla nostra vita! ” levò la voce e si girò verso i
suoi concittadini “Possibile che siate così ciechi e sordi alle parole del Santissimo? Cosa
bisogna fare per fare breccia nei vostri cuori di pietra, eh? Piantarvi a martellate il Sacro
Chiodo?” alzò ancor più la voce, con gli occhi pronti ad esplodere verso il mondo. Strizzò il
microfono “Pentitevi dei vostri peccati, umani! I vostri corpi saranno ridotti in cenere, e la
cenere usata per concimare i verdi pascoli del paradiso!”
“Ma… ! Don Palmiro…” tentò di placarlo l’intervistatore, sorpreso.
“In ginocchio davanti a me! Subito! ” strillò il parroco, indicando col dito “Avanti! Baciatemi i
piedi, figli del peccato! Strisciate per terra e inzozzate il corpo, visto che è già zozza la vostra
anima! Fornicatori !”
“Si calmi, Don Palmiro! ” reagì l’inviato della tv, resosi conto che la situazione gli stava
sfuggendo di mano. Tolse il microfono al prete, ma questi, con zampata ghermitoria, se ne
riappropriò.
“A terra! Strisciate, luridi figli del demonio! Lavatemi i piedi con la vostra lingua gonfia di
menzogne! Muovetevi!” seguitò ad urlare, avanzando verso i suoi parrocchiani che presero ad
indietreggiare “Salite sull’ascensore e precipitate una buona volta verso l’inferno! Arrostite i
vostri corpi dannati!”
Accorse un terzetto della benemerita, facendosi largo tra la folla ormai impanicata. Due di
questi afferrarono il prete per le braccia e lo trascinarono via, intanto che si levavano alte le sue
farneticazioni.
Il terzo, un maresciallo, venne subito requisito dal biondo della tv.
“Venga qui, gentilmente…” lo attirò a sé, sotto l’occhio della telecamera, e gli piazzò il
microfono all’altezza del triplo mento “Lei è … ?”
“Maresciallo Esimio, agli ordini” fece il saluto militare e batté i tacchi.
“Cosa ne pensa di questa anomalia degli ascensori?”
Il maresciallo si passò una mano sul pancione, dove i bottoni della divisa si aggrappavano
esausti ai loro ancoraggi. “Ecco, è difficile stabilire una causa precisa…”
“Ci potrebbe essere l’Isis dietro tutto ciò?”
“Potrebbe. Ormai il terrorismo le sta tentando tutte pur di salire alla ribalta…”
“Certo. Ma non sarebbe un po’ troppo strana una cosa del genere? In fondo, di morti non ce ne
sono stati…” lo corresse il biondo inviato.
“Per il momento, ma non lo escluderei…” si carezzò il mento “Chi ci garantisce che
all’improvviso gli ascensori non precipitino? Che si schiantino al suolo trascinando con sé tutte
le povere vittime qui presenti?” indicò i paesani con un gesto circolare della mano.
“Ma scusi, non è che così dicendo si possa spargere il panico?”
“Assolutamente no. La gente dev’essere consapevole dei rischi che corre. Coi terroristi non si
scherza. Ti prendono e ti sgozzano solo perché hai sputato per terra. Fan cosi…”
“D’accordo, ma…”
“E allora? Dovremmo chiudere gli occhi?” andò avanti l’altro “Poggiare la testa sul ceppo
aspettando la mannaia del boia di turno? Certo che no. Guardiamo negli occhi il nemico.
Sfidiamolo”
“Si, va bene…” riprese la parola a fatica l’intervistatore “Ma gli ascensori che…”
“Machissenefrega. Usiamo le scale, che diamine, che siamo tutti obesi!” si carezzò il ventre a
due mani “Torniamo alle sane abitudini, basta mollezze e comodità! Vita da caserma per tutti!”
Il biondo della tv riuscì a strappargli il microfono di mano. “Grazie per la sua esaustiva
spiegazione, maresciallo…” e gli diede le spalle “Ora vorrei che si facesse avanti Bruno Roccia,
geologo di chiara fama…”
Era un tizio magro e lungo, senza capelli ma con barbetta a punta. Un occhio pesto lasciava
intendere che faceva un lavoro pericoloso o che non si tirasse indietro nelle risse.
“Salve…” levò una mano. Aveva una voce un po’ stridula.
“Buongiorno a lei!” lo salutò l’altro uomo al centro dell’attenzione “Cosa ci dice di questa
calamità che ha colpito Quatercá Incrus? ”
“Semplice. Questo territorio è tutto vuoto sotto, scavato da una nutrita serie di falde acquifere.
Gli ascensori fanno le bizze in quanto tutto sta cedendo. Tempo qualche giorno e il paese non
esisterà più”
“Ma… cosa sta dicendo? È sicuro?”
“Certo. Stiamo in piedi per miracolo” iniziò a saltellare sotto lo sguardo allibito di tutti gli altri
“Dovessi precipitare, non mi stupirei affatto…”
“La smetta per favore!” gli intimò gelido il biondo della tv, tergendosi il sudore dalla fronte,
non abituato a rischiar la pelle “Se è come dice dovremmo…”
Non terminò.
Un rumore si levò da ogni dove, prima in modo ovattato, poi sempre più manifesto.
I presenti sbarrarono gli occhi, fissandosi stupiti l’un l’altro. Persino il geologo smise di
saltellare, temendo di averla combinata grossa.
Invece, molto semplicemente, gli ascensori si erano rimessi in moto, tutti assieme, tutti verso
l’alto. Era usanza locale averli a vista, a svolgere il loro lavoro fra pareti di vetro, quindi erano
sotto gli occhi di tutti.
Meravigliati, gli abitanti di Quatercá Incrus presero ad indicare qua e là, lasciandosi sfuggire
degli “Ooooo…” stupefatti.
“Incredibile! ” recuperò la parola l’inviato di Mio Dio television “Sono ripartiti! Tutti assieme!
Tutti verso l’alto! Miracolo!!”
Nessuno fiatava più ed assisteva ad occhi sbarrati all’evento straordinario.
La telecamera zoomava di qua e di là, cercando di inquadrarli tutti.
Gli ascensori proseguirono compatti la loro ascesa, tutti assieme appassionatamente.
Andarono su, sempre più su, e non si fermarono neppure quando ebbero raggiunto l’ultimo
piano dei palazzi.
Sfondarono il tetto, senza far neppure troppo rumore, e sempre tutti assieme, come un
convoglio interplanetario, presero la via delle stelle.
Qualcuno fra i popolani di Quatercá Incrus agitò un fazzolettino in segno di saluto, qualcun
altro si asciugò furtivo una lacrima che aveva preso a scivolar giù dalla guancia.

1 2 3 4 5 35