Archivio Categorie: Cultura

“Portavamo il sacco”, in Comune a Lecco il docufilm di Riccardo Maffioli

1911_portavamo_sacco
Venerdì 29 novembre alle 17 in sala consiliare, per un evento organizzato dall’ANFI di Lecco con la collaborazione del Comune di Lecco, verrà proiettato “Portavamo il sacco”, il docufilm di Riccardo Maffioli realizzato con la consulenza storica di Pierfranco Mastalli e incentrato sulle vicende ambientate tra gli anni Cinquanta e gli anni Settanta nell’Alto Lario Occidentale riguardanti la Guardia di Finanza e i contrabbandieri.
Una preziosa descrizione di accadimenti, intrecci umani, rapporti sociali, tradizioni ed esistenze difficili, vissute con umile eroismo quotidiano, in un ambiente naturale di straordinaria bellezza ma anche di straordinaria fatica. Le aspre condizioni ambientali, l’economia silvo-pastorale, il difficile equilibrio ecologico e climatico, le scarsissime dotazioni di comunicazioni hanno influenzato una cultura sociale e lavorativa di grandi e progressive limitazioni, che hanno contribuito allo sviluppo degli intrecci economici transfrontalieri e alle iniziative di emigrazione intensa.
“Portavamo il sacco” rappresenta una descrizione delle caratteristiche paesaggistiche, ambientali, storico-culturali di un territorio “alpino” e in particolare del più settentrionale e aspro della Provincia di Como: l’Alto Lario Occidentale confinante con il Ticino e i Grigioni. Lo spettatore, specie se cresciuto nei tempi in questi luoghi, troverà nelle immagini emozioni, ricordi, luci, volti, riflessioni e silenzi preziosi.
Per assistere alla proiezione gratuita è necessaria la prenotazione, da effettuare telefonando al numero 335 1525428.

Fonte Ufficio stampa Comune Lecco

Domenica 8 dicembre alle 16 in sala don Ticozzi la consegna dei San Nicolò d’oro

Lecco
Benemeriti 2019: ecco i nomi.
Domenica 8 dicembre alle 16 in sala don Ticozzi, in via ongania, ci sarà la consegna dei “San Nicolò d’oro” 2019
La conferenza dei capigruppo, composta dal sindaco di Lecco, Virginio Brivio, dal presidente del Consiglio comunale Giorgio Gualzetti, dai vice presidenti del Consiglio e dai capigruppo consiliari, riunitasi per discutere le candidature alle civiche benemerenze 2019 pervenute, ha deciso.
Tra le candidature pervenute e sottoposte all’attenzione dei membri della commissione, sono state riconosciute meritevoli della civica benemerenza Emilia Spreafico, Don Agostino Butturini, Stefano Vimercati, l’Associazione Gruppo Amici Lecco e il Gruppo Astrofili Deep Space Lecco.

Emilia Spreafico
Già infermiera e animatrice della comunità parrocchiale di Belledo, Emilia Spreafico ha collaborato negli anni Settanta insieme al parroco Don Ernesto Casiraghi all’esperienza di accoglienza temporanea di persone anziane del “Focolare”. Collabora con l’Associazione Comunità di via Gaggio, fin dalla progettazione della “Casa sul pozzo” e dedica tuttora il suo tempo alla gestione, ai progetti e alle attività della Casa.

Don Agostino Butturini
Vicerettore e professore presso il Collegio Arcivescovile Alessandro Volta di Lecco, dove ha iniziato la sua missione di educatore nel 1964, Don Agostino Butturini è parroco di Morterone dal 1984. Grande appassionato di montagna e di scalata su roccia, fonda nel 1974 il gruppo alpinistico “Condor Lecco” rivolto ai ragazzi, intravedendo nell’arrampicata un’opportunità di crescita e di reale formazione umana.

Stefano Vimercati
Dipendente della storica azienda Officine Meccaniche Badoni di Lecco e impegnato nell’ambito della scuola presente all’interno dell’azienda, Stefano Vimercati opera da decenni come volontario del CAI e della Fondazione Enrico Scola di Lecco, di cui è presidente dal 2001, oltre che guida e motore dei progetti e delle attività della Fondazione stessa, rivolti alla cura delle persone più bisognose.

Associazione Gruppo Amici Lecco
Costituito nel 2000, il “Gruppo Amici Lecco”, rappresenta un punto di riferimento per il suo impegno sul fronte dell’organizzazione di attività di svago rivolte ai ragazzi diversamente abili, per i quali nel 2017 l’associazione ha anche inaugurato la “Casa Gruppo Amici Lecco” in via Masaccio a Belledo, nella quale trovano ospitalità alcuni ragazzi e supporto le loro famiglie.

Gruppo Astrofili Deep Space
Nato nel 1996, il Gruppo Astrofili Deep Space gestisce dal 2005 il Planetario civico di Lecco proponendo una programmazione scientifica, culturale e sociale votata alla divulgazione dell’astronomia, che ha reso il polo museale comunale anche un punto di riferimento per appassionati riconosciuto dall’Unione Astrofili Italiani per le sue iniziative divulgative, il primo collegamento tra una scuola del territorio e gli astronauti in missione e Astronauticon, la convention nazionale sull’esplorazione spaziale.

“Anche quest’anno – commenta il presidente del Consiglio comunale Giorgio Gualzetti – con l’assegnazione delle civiche benemerenze abbiamo voluto premiare coloro con il loro quotidiano impegno incarnano i valori dell’accoglienza e dell’aiuto verso le persone più deboli, dell’educazione e dell’accompagnamento verso le giovani generazioni, della diffusione della cultura e della scienza a beneficio di tutti dentro e oltre i confini della nostra città di Lecco”.

Fonte Ufficio stampa Comune Lecco

Lecco: concerti con la Consulta musicale

La Consulta musicale, propone una serie di concerti.
Il 16 novembre, alle 21, nella di Castello ci sarà l’esibizione del coro San Giorgio: il 30 novembre alle 21 nella basilica di San Nicolò in centro città toccherà all’Accademia corale.
Accademia corale che tornerà ad esibirsi il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, alle 21 nella chiesa del Caleotto. La stessa sera, all’auditorium della Casa dell’economia in via Tonale ad Olate ci sarà la Fanfara dei bersaglieri.
Il 14 dicembre alle 21 all’oratorio di Laorca ci sarà la banda Brivio. Il 15 dicembre doppia esibizione. Alle 10 del mattino il coro Grigna sarà all’istituto Airoldi e Muzzi, mentre alle 10.30 la Consulta musicale proporrà la sfilata della Fanfara dei bersaglieri per le vie del centro.
Il 20 dicembre alle 21, si torna ad Olate all’auditorium della Camera di commercio, in via Tonale con la doppia esibizione del coro Alpino lecchese e del coro Grigna, per l’occasione insieme sullo stesso palco.
Il 21 dicembre alle 21 nella chiesa di Acquate ci sarà il coro San Giorgio, e in contemporanea, sempre con inizio alle 21, la banda Manzoni alla Camera di commercio di via Tonale.
A chiudere la rassegna il 22 dicembre, alle 15.30 sarà la banda Brivio nella chiesa di Rancio.

Lecco: prende il via la rassegna La Cultura per il sociale

Al via la seconda edizione de “La Cultura per il Sociale”, la rassegna teatrale dedicata ai grandi temi sociali contemporanei, con tre spettacoli ad ingresso libero.
Mercoledì 25 settembre alle ore 18 presso l’Aula Magna dell’Ospedale “A. Manzoni” – Via dell’Eremo, 9/11 – Lecco – aprirà la rassegna “La Cultura per il Sociale” lo spettacolo “IL RITRATTO DELLA SALUTE” con Chiara Stoppa e la regia di Mattia Fabris, prodotto da ATIR Teatro Ringhiera.
Martedì 1 ottobre alle ore 21.15 presso il Cineteatro Palladium – Via Fiumicella, 12 – Lecco – proseguirà con lo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia (TRA PARENTESI) LA VERA STORIA DI UN’IMPENSABILE LIBERAZIONE, in collaborazione con il Forum Salute Mentale di Lecco.
Giovedì 10 ottobre 2019 alle 21 presso Palazzo Belgiojoso – Corso. G. Matteotti, 32 – Lecco – andrà in scena l’ultimo spettacolo: “AGOSTO 1957 Eiger: l’ultima salita”, con Alberto Bonacina e Sara Velardo. Una co-produzione Lo stato dell’arte – CAI Sez. di Lecco “Riccardo Cassin”.
In caso di pioggia lo spettacolo si terrà presso Spazio Teatro Invito – Via Ugo Foscolo, 42 – Lecco.
Gli eventi sono tutti ad ingresso libero.
1909_cultura_sociale

Cracking Art Landing in Lecco: 36 installazioni artistiche in città

Bosisio canoa club Foto
Un’invasione di opere d’arte multicolore arriva a Lecco grazie all’iniziativa di tre giovani studenti universitari
Dal 7 Settembre al 27 Ottobre, con inaugurazione sabato 7 settembre alle 18 presso la piattaforma galleggiante, arrivano in città le opere di Cracking Art Landing in Lecco: “landing” in inglese significa sia atterraggio, sia sbarco, ed è proprio partendo da questa doppia modalità che un’invasione pacifica e colorata di 36 opere d’arte raffiguranti animali, realizzate dal collettivo Cracking Art, prenderà dimora in alcuni punti caratteristici della cittadina lariana coinvolgendo lo spettatore, sia esso adulto o bambino, in una favola contemporanea che invita a riflettere su tematiche universali come la rigenerazione, la natura e il paesaggio.
Rondini giganti in piazza Diaz, piazza XX Settembre, piazza Manzoni e piazza Cermenati e rane oversize nella piazzetta del centro commerciale Isolago, in via Anghileri e sulla piattaforma galleggiante panoramica del lungolago daranno un’immagine diversa e contemporanea alla nostra città, nota per le vicende manzoniane.
L’evento nasce grazie all’iniziativa di tre giovanissimi studenti del corso di Economia e Gestione dei Beni Culturali e dello Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, supervisionata dalla professoressa Marta Massi: Federica Negri, Laura Gandola e Davide De Marchi hanno partecipato e vinto il business game proposto da Cracking Art a cui erano stati invitati a partecipare gli studenti del corso, nel quale si invitava a proporre e pianificare un’installazione del collettivo. Durante lo stage presso la sede del collettivo artistico hanno poi messo in pratica quanto ideato, fino a raggiungere l’obiettivo che si erano proposti, ovvero l’installazione nella città di Lecco.
“Il progetto, che vuole dare risalto alla bellezza e alle peculiarità della città attraverso un linguaggio nuovo e coinvolgente, è stato subito appoggiato dall’amministrazione comunale – sottolinea l’assessore alla cultura del Comune di Lecco Simona Piazza – proprio per il suo spirito di innovazione e di collaborazione a favore di iniziative che mettono in dialogo fertile il pubblico e il privato, nonché con la finalità di valorizzare e promuovere le progettualità giovanili.
Non solo, questa iniziativa ci consente di attivare un’ulteriore possibilità di finanziamento per il restauro della cappella e della sagrestia di Villa Manzoni, grazie anche al sostegno e al contributo della Fondazione Comunitaria del Lecchese onlus. Cracking art ci ha fornito pertanto la possibilità di creare una nuova rete di soggetti uniti dal desiderio di contribuire alla riqualificazione di uno dei più importanti beni culturali patrimonio della nostra città e di raggiungere così uno degli obiettivi che la nostra amministrazione si era posta”.
Il progetto ha preso vita, oltre che con il contributo dell’amministrazione comunale, grazie all’intervento di generosi sponsor e donatori che hanno sostenuto l’iniziativa. A dare ulteriore senso e valore all’iniziativa, verrà attivata una raccolta fondi tramite la vendita di minisculture, messe a disposizione da Cracking Art nell’ambito del suo progetto L’Arte Rigenera l’Arte, il cui ricavato verrà interamente destinato ai lavori di restauro della Cappella di Villa Manzoni. Un impegno concreto di rigenerazione del patrimonio storico che possa lasciare un segno positivo sul territorio.

Tutti pazzi per il Matitone di Lecco

Lecco campanile foto
In quattro anni sono state sedicimila le visite sul Matitone, il campanile della basilica di San Nicolò.
Un successo che racconta come il campanile sia una delle maggiori attrazioni in città.
Grazie all’impegno di una quarantina di volontari, tanti i lecchesi e i turisti che hanno avuto modo di visitare il Matitone.
Complessivamente sono stati 16 mila i visitatori per 118 giornate di apertura, a cui aggiungere 147 salite dedicate a gruppi organizzati. Il tutto grazie al prezioso lavoro dei volontari.
In questi quattro anni le offerte dei visitatori hanno permesso di migliorare ulteriormente l’itinerario di visita e di garantire la manutenzione ordinaria della struttura, ma anche di sostenere molte opere di solidarietà legate alla parrocchia.
Per festeggiare il traguardo sul canale Youtube del campanile, è stata pubblicato un video mozzafiato.

Nuove tariffe per l’ingresso a Villa Monastero a Varenna

villa monasteroDal mese di marzo è aumentato il costo del biglietto d’ingresso a villa Monastero a Varenna.
Il biglietto per la Casa museo e il giardino botanico costa ora 9 euro per la tariffa intera e ridotto a 6 euro.
Chi decide di visitare il solo giardino spende 6 euro per il biglietto a tariffa intera e 4 euro per il ridotto.
La tariffa del biglietto cumulativo per la visita di villa Monastero e dei giardini della vicina villa Cipressi è 14 euro, il biglietto ridotto costa 9 euro.
Chi invece sceglie di visitare solo i due grandi giardini, ovvero quello di villa Monastero e quello di villa Cipressi spenderà 11 euro, per il ridotto si spenderanno invece 7 euro.
Le riduzioni sono previste per persone con più di 65 anni, gruppi composti da più di 10 persone, soci Touring club italiano, ragazzi dai 12 ai 18 anni, studenti dai 18 ai 24 anni.
L’ingresso è gratuito per bambini da 0 a 11 anni compiuti, persone diversamente abili e loro accompagnatori, tesserati Icom, possessori di abbonamento “Musei Lombardia Milano”, e per i residenti a Varenna.
In occasione di visite guidate per gruppi è possibile richiedere l’apertura straordinaria della Casa museo nei giorni di chiusura: in questo caso il biglietto di ingresso è di 12 euro a persona per un minimo di dieci persone.
Il giardino botanico a marzo è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17, e ad aprile potrà essere visitato tutti i giorni dalle 10 alle 18.30. A maggio, giugno, luglio e agosto aprirà invece dalle 10 alle 19.30.
La villa questo a marzo è aperta venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 17, ad aprile da venerdì a domenica dalle 10 alle 18.30, a maggio il giovedì, venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19.30, a giugno e luglio da martedì a domenica e festivi dalle 10 alle 19.30, e ad agosto tutti i giorni dalle 10 alle 19.30.

Concerto di Natale a Rogeno

La biblioteca comunale di Rogeno ha pensato di fare un regalo a tutti i rogenesi e non solo: il concerto di Natale di Daniele di Bonaventura, uno dei più originali e creativi compositori e musicisti al mondo.
Il concerto, intitolato Tra sacro e profano, si terrà domenica 16 dicembre alle 21.
Daniele di Bonaventura è un artista che ha pubblicato oltre 80 dischi che si è esibito sui palchi di tutto il mondo: Inghilterra, Olanda, Germania, Spagna, Egitto, Norvegia, Francia, Svizzera, Portogallo, Brasile, Argentina, Slovenia, Moldavia, Croazia, Lettonia, Danimarca, Singapore, Giappone, Stati Uniti e Sud Africa.
Nel 2017 ha partecipato al concerto di Natale nella Basilica di Assisi con l’Orchestra Sinfonica della Rai trasmesso su Rai 1 in eurovisione.
La musica di Daniele di Bonaventura è una mescolanza di musica classica (composizione, struttura) e di jazz (improvvisazione e libertà) e fa riferimento in particolar modo alle tradizioni melodiche mediterranee e al genere musicale sudamericano.
La serata è stata resa possibile dalla collaborazione con l’Amministrazione comunale e la parrocchia di Rogeno.
solo in studio 1

1 2 3 36